Venerdì, 25 Marzo 2022 17:02

Ho fatto un incidente e mi hanno revocato il porto d’armi uso caccia

Scritto da

La Questura può revocare il porto d’armi ad uso caccia solo quando è provata la pericolosità sociale della persona, non negli altri casi.

 

 

 

Sei rimasto coinvolto in un incidente stradale mentre guidavi in stato di ebbrezza alcolica e la Questura ha deciso di revocarti il porto d’armi ad uso caccia, in quanto evidentemente ti ha ritenuto non affidabile.

 

C’è da dire che questo episodio è stato unico nella tua vita, nel senso che non ti era mai successo prima di trovarti in una situazione del genere.

 

In ogni caso, sembra che questo dettaglio per la Questura non abbia tanta importanza: ciò che importa per l’Amministrazione è che hai causato un sinistro ed è stato rilevato lo stato di alterazione. Tutto qui.

 

Tu, però, ritieni che un singolo isolato episodio, come quello che si è verificato, non può condizionare una valutazione così delicata e decidi quindi di presentare il ricorso.

 

Il tribunale, a questo punto, concorda con la tua tesi ed accoglie il ricorso [1].

 

Vediamo di capire come mai i magistrati danno torto al Ministero dell’Interno e ragione a te.

 

E’ presto detto.

 

Premesso in generale che il porto d’armi può essere concesso solo quando c’è completa sicurezza sul buon uso dell’arma stessa, bisogna però pur dire che un episodio come quello di cui parliamo, ossia l’incidente, che rimane isolato nel tempo e nella tua vita non può trasformarsi in una condanna.

 

Certamente è una vicenda che merita attenzione, ma da qui a dire che condiziona l’affidabilità sulle armi ce ne passa.

 

In pratica, il tribunale dice che la violazione del codice della strada per guida alterata non può far scattare, in automatico, il divieto o la revoca del Ministero dell’Interno sulle armi.

 

Semmai potrebbe farlo solo se la motivazione di quella revoca fosse così ben scritta ed articolata da dimostrare il giudizio sulla tua pericolosità sociale.

 

Insomma, secondo i giudici amministrativi: con un singolo episodio come quello descritto non è provata la tua inaffidabilità e, quindi, il ricorso va accolto.

 

 

[1] Tar Lombardia Sez. Prima, sentenza n. 539/22 pubblicata il 07.03.2022.

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 5424 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.