Lunedì, 27 Gennaio 2020 14:36

Militari: permessi retribuiti ed assistenza a disabile

Scritto da

 

Nel caso in cui l’amministrazione militare dove presti servizio ti dice no sull’istanza di concessione dei permessi previsti dall’art. 33 comma 3 Legge n. 104/92, da te presentata per assistere un parente affetto da handicap grave, conviene rassegnarsi oppure presentare un ricorso?

 

 

Dipende.

 

Diciamo però che le indicazioni del Consiglio di Stato del 2019 ci dicono che è opportuno presentare il ricorso amministrativo.

 

Vediamo perché ed in presenza di quali presupposti è opportuno presentarlo.

 

 

La premessa doverosa da fare è che in questa materia disponiamo di un numero veramente elevato di sentenze amministrative, di primo e secondo grado.

 

Ultimamente, come ho anticipato sopra, anche la Quarta Sezione del C. d. S. si è pronunciata sulla questione posta dal titolo, ossia militari: permessi retribuiti ed assistenza a disabile e lo ha fatto con la sentenza n. 5635/2019 pubblicata in data 08.08.2019, favorevole per il militare appellante.

 

 

In estrema sintesi, il criterio ricavabile dalla pronuncia è questo:

 

il trasferimento è disposto a vantaggio del disabile e non, invece, nell’interesse esclusivo dell’Amministrazione o del richiedente, avendo lo stesso natura strumentale ed essendo intimamente connesso con la persona dell’assistito  (vedi anche diniego trasferimento ).

 

 

Questo passaggio è fondamentale, in quanto quasi sempre tanto l’amministrazione militare quanto il dipendente stesso omettono di dare peso alla ragione di fondo della richiesta di permessi retribuiti, cioè quella di dare assistenza al disabile.

 

Data la sua utilità, vediamo allora come ha ragionato il Consiglio sul caso proposto dal militare con il suo appello.

 

L’esercizio del potere discrezionale da parte dell’Amministrazione e, dunque, la verifica della compatibilità del trasferimento con le esigenze generali del servizio, deve consistere in una verifica e ponderazione accurate delle esigenze funzionali, le quali devono risultare da una congrua motivazione.

 

Ciò comporta che, per negare il trasferimento, le esigenze di servizio non possono essere né genericamente richiamate, né fondarsi su apodittiche valutazioni in ordine alle scoperture di organico, ma devono risultare dalla indicazione di concreti elementi ostativi, riferiti sia alla sede di servizio attuale del dipendente sia a quella oggetto della richiesta del dipendente, nonché dalla considerazione del grado e/o della posizione di ruolo e specialità propri del richiedente  ( vedi anche  trasferimento).

 

Questi principii sono ovviamente applicabili anche nei riguardi dei permessi retribuiti, fattispecie diversa dal trasferimento ma ricompresa nell’ambito della stessa disciplina, caratterizzata dal comune interesse di assicurare adeguata assistenza al disabile.

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1130 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Gennaio 2020 15:16
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.