Domenica, 28 Giugno 2020 09:14

Militare, malattia, idoneità al servizio

Scritto da

La necessità di un adeguato periodo di sorveglianza medica, cui si deve sottoporre il militare per prevenire recidive di una malattia, non esclude che il medesimo sia in possesso dei previsti requisiti di idoneità fisica.

E’ preciso obbligo dell’amministrazione quello di valutare se, malgrado la remissione di una patologia, il militare è in grado di svolgere le attività di servizio compatibili, oppure se lo stato fisico del dipendente impedisce ogni proficua attività.

 

 

 

Interessante ed utile sentenza quella del Tar Lazio Sez. Prima bis, la n. 5842/2020 pubblicata in data 01.06.2020.

 

Siamo in tema di giudizio di permanente non idoneità al servizio militare incondizionato; non idoneità quale volontario in ferma per perdita permanente dell'idoneità fisio–psico–attitudinale al servizio nell'Esercito Italiano. VFP4.

 

Vediamo un estratto dell’articolata sentenza.

 

Il ricorrente, militare dell’Esercito italiano in servizio volontario (VFP4), ha partecipato, per l’aliquota dell’anno xxxx, al concorso per il transito in servizio permanente, risultando vincitore.

 

Nel dicembre del xxxx, al predetto veniva riscontrato un “Carcinoma papillare lobo destro tiroide” con conseguente intervento chirurgico.

 

Lo stesso, sottoposto ad ulteriori accertamenti medici, veniva, in data xxxxxx, giudicato dal Dipartimento Militare di Medicina Legale di xxxx – Commissione Medica Ospedaliera, “non idoneo quale volontario in ferma” per perdita permanente dell’idoneità fisio – psico – attitudinale al servizio nell’Esercito Italiano a causa di “-OMISSIS-”.

 

La Commissione Medica Interforze di 2° Istanza ha confermato la precedente diagnosi.

 

Quindi, con successivo provvedimento, lo stesso veniva escluso dal concorso.

 

In data xxxx la p.a. ha notificato al militare l’atto di congedo illimitato e di decadenza dalla rafferma biennale.

 

Avverso tale negativa determinazione il predetto ha reagito con il ricorso.

 

Con ordinanza il Collegio ha disposto una verificazione per accertare se, al momento dei contestati accertamenti sanitari, il ricorrente presentava la patologia escludente affermata dall’amministrazione resistente.

 

L’organo della verificazione incaricato ha, nel termine assegnato, rassegnato una dettagliata e completa relazione in cui ha dato atto degli accertamenti svolti, segnalando l’assenza del consulente della resistente e concludendo: “ -OMISSIS-”, intendendo con tale espressione “-OMISSIS-”.

 

Con successiva ordinanza il Collegio, all’esito della riportata verificazione ha accolto la chiesta misura cautelare.

 

L’amministrazione resistente ha nuovamente sottoposto a visita medica il predetto ed ha ribadito la non idoneità al servizio, con la seguente motivazione:

 

1) non idoneo al servizio quale volontario in ferma per perdita permanente dei requisiti psico-fisici richiesti per il reclutamento, ai sensi dell'art. 582, lettera b), punto 3 e lett. g) punto 1 del D.P.R 90/2010 e della Direttiva tecnica ministeriale 4 giugno 2014 (prevista dall'art. 580, comma 4 del citato DPR 90/2010).

 

Non viene applicato il D.M. 5 dicembre 2005, in vigore all'atto dell'arruolamento dell'interessato, in quanto non più favorevole rispetto al successivo.

 

2) La non idoneità quale volontario in ferma è determinata da infermità che, allo stato degli atti SI risulta oggetto di accertamento ai fini della dipendenza da causa di servizio.

 

3) Si idoneo al transito nel servizio permanente come militare permanentemente non idoneo in modo parziale, ai sensi dell'art. 955 comma 2 del D. Lgs. 66/2010, qualora l'infermità di cui al giudizio diagnostico sia riconosciuta dipendente da causa di servizio e l'inidoneità complessiva sia ascritta alla 4° o alla 5° categoria della Tabella A allegata al Decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834 e successive modificazioni. Da impiegare in mansioni di ufficio”.

 

Il ricorrente ha nuovamente impugnato, con motivi aggiunti e contestuale istanza cautelare, tale determinazione.

 

Il Collegio, con la successiva ordinanza ha sospeso il provvedimento contestato.

 

La p.a. non ha interposto appello cautelare:” in data xxxxx ha comunque immesso in servizio il Primo Caporal Maggiore -OMISSIS- con riserva, in qualità di VSP dell’Esercito e ha comunicato che il ricorrente era stato dichiarato vincitore ed immesso con riserva in qualità di VSP nell’Esercito.

 

Il ricorso è stato trattenuto in decisione.

 

Emerge proprio dall’esito della verificazione che la patologia oncologica che ha colpito il ricorrente era, già al momento della visita dei sanitari militari, in fase di totale remissione.

 

Sul punto la giurisprudenza (T.A.R. Lazio – Roma, Sez. I ter, 12 gennaio 2017, n. 489, Sez. 1° bis, Sent. n. 7569/19), è ferma nel ribadire che, nel caso, come quello di specie, in cui la patologia è stata trattata con adeguate terapie e la stessa è in fase di remissione completa e in follow-up clinico, anche se tale condizione non può essere equiparata alla guarigione dalla -OMISSIS-, predicabile esclusivamente a fronte di una remissione clinica completa che si protragga per un periodo individuato dalla scienza medica in relazione al diagnosticato tipo di tumore, nondimeno la malattia accertata nel ricorrente, pure astrattamente inquadrabile tra le cause di non idoneità, richiede una necessaria e conseguente verifica della persistenza dalla stessa, così che il giudizio sanitario di permanente non idoneità al s. m. i., emesso sulla sola base della -OMISSIS-è illegittimo.

 

E’ preciso obbligo dell’amministrazione quello di valutare, in primo luogo se, malgrado la remissione della indicata patologia il militare è in grado di svolgere le attività di servizio compatibili, ovvero se lo stato fisico del dipendente impedisce ogni proficua attività.

 

 

E’ necessario che la p.a. provveda, a mente dell’art. 905 del Codice dell’Ordinamento militare, a collocare, d’autorità, il militare in aspettativa sino al raggiungimento del periodo massimo previsto dall’art. 912 COM, al fine di verificare la completa guarigione, atteso che la permanente inidoneità al s.m.i. presuppone l’accertata irreversibilità della imperfezione e/o infermità.

 

 

Tutti gli atti impugnati dal militare, nel caso esaminato, sono stati annullati.

 

 

 

Assistenza legale: come averla

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi al 3286090590,

oppure scrivi all’indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 476 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590
Altro in questa categoria: « Illecito disciplinare militare: la guida

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.