Stampa questa pagina
Domenica, 20 Settembre 2020 19:28

Aspirante Forze Armate valutazione attitudinale: il ricorso

Scritto da

La valutazione attitudinale di un aspirante alle Forze Armate esamina i tratti della personalità e del carattere, per evitare che essi possano rivelarsi pregiudizievoli ai fini del proficuo inserimento lavorativo dell’interessato nell’ambiente militare, secondo le esigenze proprie dell’Amministrazione.

 

 

 

Valutazione attitudinale di un aspirante alle Forze Armate

La giurisprudenza

Conoscenza del contesto lavorativo

Quando presentare il ricorso

 

 

 

Valutazione attitudinale di un aspirante alle Forze Armate

Tra i ricorsi amministrativi che occupano i tavoli dei giudici di primo e secondo grado spesso si ritrovano discussioni relative al tema della valutazione attitudinale dell’aspirante.

 

Il Tar Lazio è intervenuto sulla materia più di qualche volta.

 

Il Consiglio di Stato ha proseguito l’iter del contenzioso ed ha prodotto alcune sentenze che è bene ricordare, quando si vuole valutare la fattibilità di una causa come questa.

 

 

 

La giurisprudenza

In particolare, degna di essere segnalata è la sentenza n. 3982 del 28.06.2018, Sezione 4, Presidente Antonino Anastasi; non tanto per l’esito finale della lite, quanto piuttosto per l’utilità delle riflessioni e ragionamenti proposti dal collegio e per la diretta utilizzabilità degli stessi per valutare la fattibilità di ricorsi analoghi che si dovessero riproporre.

 

Insomma, dice tra l’altro il giudice di appello: queste sono valutazioni di merito riservate alla competente autorità amministrativa, in quanto non si tratta di verificare se il ricorrente sia o meno affetto da patologie psicologiche, quanto piuttosto se i tratti della personalità e del carattere, per definizione privi di significato psicopatologico, possano rivelarsi pregiudizievoli ai fini del proficuo inserimento lavorativo del soggetto interessato nell'ambiente militare.

 

 

 

Conoscenza del contesto lavorativo

Si tratta di una valutazione demandata, per legge, ad un apposito organo Collegiale, composto da Ufficiali, periti selettori attitudinali, oltre che psicologi i quali, per l'approfondita conoscenza del contesto lavorativo in cui il concorrente deve essere inserito, sono in grado nella generalità dei casi di predire l'attitudine di questo ad esservi utilmente inserito.

 

Per tali motivi a questi va riconosciuta la competenza ad esprimere valutazioni in merito, la cui validità può non essere inficiata dalla diversa opinione espressa da medici specialisti.

 

 

 

Quando presentare il ricorso

In conclusione: prima di imbastire il ricorso contro il provvedimento con cui l’amministrazione militare giudica l’interessato non idoneo agli accertamenti attitudinali e lo esclude dal concorso pubblico per l’ammissione ad un determinato corso, è consigliabile tenere bene a mente quanto sopra illustrato in sintesi, sapendo che la causa sarà fattibile quando ci si accorge che è possibile sostituire la valutazione attitudinale data dagli specialisti interni all’amministrazione con la valutazione di altri specialisti, ma attenzione: solo quando la prima si rivela caratterizzata da manifesta illogicità o da travisamento del fatto che, come è risaputo, rappresentano elementi sintomatici dell'eccesso di potere dell’amministrazione.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 211 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590