Venerdì, 25 Dicembre 2020 18:52

Assegnazione temporanea 42 bis militari: accoglimento ricorso

Scritto da

Il Consiglio di Stato, a Natale 2020 dice si al militare che chiede l’assegnazione temporanea ai sensi dell’art. 42 bis d. lgs. 151/01.

 

 

 

Quando l’amministrazione militare oppone le sue generiche esigenze di servizio per rigettare l’istanza di assegnazione temporanea del militare ai sensi dell’art. 42 bis d. lgs. 151/01, è il momento che il giudice gli sbarra la strada ed accoglie le buone ragioni del dipendente.

 

E’ noto che l’art. 42 bis comma 1 del d. lgs. 151/2001 dispone quanto segue: il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L'eventuale dissenso deve essere motivato e limitato a casi o esigenze eccezionali.

 

Ebbene, portato un caso all’attenzione del Consiglio di Stato, il Supremo Consesso si è pronunciato prima di Natale 2020 con una bella Ordinanza (n. 7434/2020 pubblicata dalla Quarta Sezione in data 24.12.2020) di rigetto di un appello incidentale proposto dal Ministero e, quindi, di accoglimento delle ragioni del militare, appartenente alla Guardia di Finanza.

 

In sintesi, la trama del provvedimento vantaggioso per il dipendente è questa.

 

Il maresciallo è padre di una bambina e, per questa ragione, ha presentato istanza per essere assegnato temporaneamente a domanda dalla propria sede di servizio ad altra sede, in una città ove la moglie lavora e vive con la piccola.

 

L’amministrazione ha respinto l’istanza, per una presunta carenza di personale del reparto cui l’interessato appartiene, ciò in rapporto alla criminalità organizzata attiva nel territorio di competenza e alla necessità di vigilare un campo profughi ivi presente.

 

Il giudice di primo grado ha accolto la domanda cautelare contestuale al ricorso, ritenendo il diniego immotivato pur a seguito delle modifiche introdotte dall’articolo 40, comma 1, lettera q) del d. lgs. 27 dicembre 2019, n. 172, ritenute applicabili, tenuto conto che l’interessato non avrebbe mai svolto servizi di vigilanza al campo profughi indicato, e ne ha quindi disposto l’assegnazione provvisoria ordinando all’amministrazione di provvedere entro un breve termine.

 

Contro quest’ordinanza, l’amministrazione ha proposto appello cautelare.

 

Il militare resiste e chiede che l’appello sia respinto, evidenziando anche la serietà della sua situazione familiare, poiché la madre della bambina, infermiera in un reparto a rischio, è stata di recente ricoverata per contagio da coronavirus.

 

Viste le opposte tesi avanzate dalle parti in causa, l’appello cautelare viene ritenuto infondato e va respinto, dal momento le esigenze di servizio, a fronte di una situazione familiare di necessità, sono rappresentate dall’amministrazione in modo generico.

 

In conclusione: appello respinto e la ragione va al militare, il quale riceve anche le spese di lite poste a carico del Ministero.

 

 

 

Chiedi una consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi preventivo

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1401 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.