Mercoledì, 06 Gennaio 2021 15:31

Militari: quando il trasferimento d’autorità è una sanzione

Scritto da

Casi in cui l’amministrazione militare dispone il trasferimento d’autorità del dipendente senza una reale esigenza organizzativa.

 

 

 

Trasferimento d’autorità insolito

Un caso pratico

Quando il trasferimento d’autorità è una sanzione

 

 

 

Trasferimento d’autorità insolito

Può sembrare strano, a prima vista, che un’amministrazione militare arrivi a disporre il trasferimento d’autorità per un proprio dipendente, mancando il presupposto giustificativo del trasferimento stesso, ossia la specifica esigenza organizzativa.

 

Sembra strano: tuttavia si tratta di situazioni non astratte, ma verificabili.

 

Evidente che, all’avverarsi di una circostanza di questo tipo, il militare dispone dello strumento difensivo rappresentato dal ricorso al giudice.

 

Diciamo subito una cosa: vero è che i provvedimenti per il trasferimento d'autorità di militari sono ordini, rispetto ai quali l'interesse del singolo a prestare servizio in una determinata sede assume, di norma, una rilevanza di mero fatto.

 

Ma tali provvedimenti, tuttavia, sono comunque pur sempre strettamente connessi alle esigenze organizzative dell'Amministrazione.

 

Non possono essere disposti per capriccio dell’Ente militare o, peggio, in una sorta di dipendenza di fatto con provvedimenti sanzionatori di tipo disciplinare.

 

 

 

Un caso pratico

Ipotizzando una situazione nella quale il trasferimento venga disposto al rientro in servizio del militare dopo aver scontato una sospensione disciplinare di un mese (esempio, tratto come spunto dalla sentenza di seguito commentata: per essere rimasto coinvolto in un incidente stradale in cui il ricorrente, fuori dall'orario di servizio, ha investito un pedone causandone il decesso), ecco in un caso del genere forti dubbi emergono sulla legittimità di un eventuale trasferimento d’autorità.

 

Non sarebbe infatti ammissibile che, senza alcun riferimento alle esigenze organizzative dell'amministrazione, il trasferimento del militare venisse disposto unicamente per i fatti che hanno determinato la sospensione disciplinare.

 

Un caso come quello qui descritto è stato affrontato, e favorevolmente risolto per il militare, dal Tar Napoli Sezione 7, con la sentenza n. 2232 dell’08.06.2020.

 

In estrema sintesi:

 

Secondo quanto segnalato dalla difesa erariale, l'incidente che ha determinato l'irrogazione della sanzione disciplinare per quel militare è stato ritenuto idoneo a pregiudicare l'efficiente svolgimento delle sue mansioni.

 

 

 

Quando il trasferimento d’autorità è una sanzione

Tuttavia, per effetto dei provvedimenti il militare, addetto alla conduzione di automezzi, è stato reimpiegato in altra sede senza modifica delle mansioni.

 

Ora: l'incidente che secondo le valutazioni dell'amministrazione avrebbe segnato profondamente il militare, è avvenuto alla guida di un veicolo, tanto da non apparire irragionevole chiedersi se sia la sede, o, al più, la mansione, quella sulla quale eventualmente intervenire per assicurare giusta motivazione ed un adeguato stimolo professionale.

 

Ad avviso del Tar il reimpiego impugnato rispetto alla esposta motivazione è illogico e poco ragionevole, rivelando piuttosto un connotato ulteriormente afflittivo.

 

Insomma: una seconda sanzione che, di fatto, si va ad aggiungere alla prima già irrogata e scontata.

 

Pur non avendo, infatti, l'Amministrazione l'onere di motivare il trasferimento dei militari ed avendo ampia discrezionalità nell'effettuazione delle scelte organizzative, tuttavia, emerge in modo evidente che, nel caso in esame, il reimpiego non è stato in alcun modo ricondotto ad esigenze organizzative dell'amministrazione.

 

Il fatto, poi, che nel caso specifico qui preso come spunto ciò sia avvenuto con il mantenimento delle mansioni di conduttore di automezzi presso altra sede, confligge con il dichiarato fine perseguito, ossia quello di assicurare reinserimento ed adeguato stimolo professionale al militare segnato dall'evento accidentale.

 

 

 

chiedi consulenza

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1427 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.