Lunedì, 01 Marzo 2021 13:22

Procedimento disciplinare militare, uso di internet e social

Scritto da

Utilizzo, da parte del militare, della messaggistica WhatsApp con propria fotografia, in divisa, per fatti privati. Sospensione disciplinare dall’impiego per mesi due. Annullamento della sanzione disciplinare impugnata.

 

 

 

Procedimento disciplinare

Siamo in tema di procedimenti disciplinari per militari, forze armate e di polizia, in relazione all’utilizzo della messaggistica WhatsApp, con uniforme militare, per fatti privati.

 

A tal proposito, prendiamo spunto dalla sentenza Tar Bologna n. 124 del 18.02.2021.

 

Per i giudici, due sono gli aspetti importanti da considerare.

 

Il primo, un po’ più generale, è questo.

 

L’art. 720 co. 2 lett. b. d.P.R. 15 marzo 2010 n. 90 vieta al militare l’uso dell’uniforme nello svolgimento delle attività private.

 

Nel caso specifico i giudici segnalano che, benché l’applicativo WhatsApp sia uno strumento di comunicazione a distanza di natura privata e non proprio un social network destinato ad una pluralità di persone, la condotta del militare appare comunque illecita e incompatibile con lo status di militare, non risultando verosimile l’invocata esimente della finalità di garantire la propria affidabilità personale.

 

Andando a frugare tra le carte, l’addebito risulta essere stato il seguente: il militare procedeva alla vendita di un cucciolo di razza Bouledogue Francese, in violazione delle norme che, al fine di prevenire il traffico illecito di animali da compagnia stabiliscono l’obbligo in capo al detentore di cani, di identificare e registrare l’animale in possesso mediante microchip prima di procedere alla vendita dello stesso. Peraltro, per il buon esito della vendita e a garanzia della propria serietà, precisava di essere un militare ed inviava delle foto che lo ritraevano in mimetica; proponeva tramite un noto sito internet un elevato numero di pubblicazioni recanti la vendita di cuccioli di varie razze in diverse città d’Italia, lasciando come riferimento un’utenza mobile intestata all’amministrazione militare.

 

Il secondo aspetto, più specifico è, invece, il seguente.

 

 

 

Sanzione disciplinare sproporzionata

Non è ragionevole e non è proporzionata, rispetto alla condotta, l’inflitta sanzione della sospensione dal servizio per due mesi.

 

E’ vero che in tema di sanzioni disciplinari per impiegati delle forze armate, l'amministrazione dispone di un'ampia sfera di discrezionalità nell'apprezzamento della gravità dei fatti e nella graduazione della sanzione disciplinare, fermo però restando che l'applicazione della misura afflittiva deve essere parametrata a ragionevolezza e proporzionalità rispetto alla rilevanza dell'illecito ascritto.

 

La conseguenza è questa: se normalmente il giudice amministrativo non può sostituire la propria valutazione a quella della competente autorità amministrativa, sono però fatti salvi i limiti della manifesta irragionevolezza e/o arbitrarietà della valutazione dell'autorità procedente.

 

Nel caso valutato dal Tar, la sanzione della sospensione dal servizio irrogata al militare, tenuto conto dei fatti concretamente oggetto dell’addebito, sembra illogica, tenuto conto della dinamica dei fatti e della natura pur sempre privata del contesto in cui è stata realizzata la condotta, fermo restando - come detto - la sua rilevanza disciplinare.

 

La sanzione è stata, dunque, annullata.

 

 

 

Altre informazioni?

Vuoi una consulenza?

Messaggio: 3286090590

mail: studiopandolfimarianiQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 446 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.