Giovedì, 04 Marzo 2021 07:28

Procedimento penale e disciplinare militare

Scritto da

Nei procedimenti disciplinari nei confronti del personale militare la discrezionalità amministrativa può essere rivista e corretta, in corso di causa, nei casi di illogicità, irragionevolezza, sproporzionalità e travisamento dei fatti.

 

 

 

L'ampia discrezionalità in capo all'Amministrazione nei procedimenti disciplinari assunti nei confronti del personale militare, in merito alla valutazione della gravità degli illeciti commessi ed alla conseguente sanzione da irrogare, è sindacabile per manifesta illogicità, irragionevolezza, sproporzionalità e travisamento.

 

Il principio è stato ribadito dal Tar Bologna sez. 1, con la recente sentenza n. 576 del 17.09.2020.

 

Il richiamo è alle sentenze del Tar Campania Salerno, sez. I, n. 1313 del 17.07.2019 e al Consiglio di Stato sez. IV, 23.03.2020 n. 2041.

 

Diciamo che il criterio è stato confermato indirettamente nella pronuncia del Tar bolognese, dal momento che nella causa promossa dal dipendente i giudici hanno ritenuto non fondati i motivi del ricorso.

 

Tuttavia la decisione ha ugualmente una sua importanza per i dipendenti che dovessero trovarsi in analoghe situazioni, sapendo appunto che quattro sono le possibili vie di uscita dalla contestazione in corso di giudizio.

 

Nel caso specifico analizzato dal tribunale di Bologna, un ispettore della Polizia di Stato aveva impugnato il Decreto del Capo della Polizia con il quale gli era stata inflitta la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio per la durata di due mesi, ai sensi dell'art. 6 comma 3 n. 2 d.P.R. 737/81 in relazione all'intervenuta condanna penale definitiva alla pena di nove mesi di reclusione e multa per i reati di detenzione illegale e ricettazione di armi.

 

 

 

Altre informazioni?

Vuoi una consulenza?

Messaggio: 3286090590

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 477 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.