Giovedì, 15 Luglio 2021 11:17

Come annullare rapporto informativo militare

Scritto da

Regole per annullare il rapporto informativo dei militari. I limiti che hanno i giudici nel criticare il rapporto informativo. Come cercare di superare questi limiti nel ricorso per l’annullamento del documento.

 

 

 

Indice

La documentazione caratteristica

Come sindacare il rapporto informativo

Come riuscire ad annullare il rapporto

 

 

 

La documentazione caratteristica

La documentazione caratteristica ha lo scopo di registrare tempestivamente il giudizio personale, diretto ed obiettivo dei superiori sui servizi prestati e sul rendimento fornito dai militari, nei limiti dell’interesse riguardante la valutazione delle attitudini e delle attività nell’ambito fisico, caratteriale, intellettuale, culturale e professionale.

 

Costituisce base essenziale di giudizio per lo sviluppo di carriera ed elemento orientativo per l’impiego razionale del militare.

 

Il documento caratteristico è redatto nel più breve tempo possibile al verificarsi della circostanza che ne ha determinato la formazione.

 

Al militare valutato deve essere fornita tempestiva comunicazione, nei modi previsti, della valutazione caratteristica effettuata nei suoi confronti.

 

I giudizi espressi in ciascun documento caratteristico sono riferiti esclusivamente all’arco temporale contemplato dal documento e, pertanto, non può farsi menzione di fatti e circostanze estranei a tale periodo.

 

Le valutazioni sono autonome ed indipendenti l’una dall’altra, sia relativamente al tempo sia relativamente alle autorità che intervengono nella formazione di uno stesso documento caratteristico.

Altre valutazioni non possono vincolare né la coscienza né la facoltà di giudizio del superiore.

 

Il giudizio caratteristico è espressione diretta del superiore, che trae gli elementi di giudizio dalla conoscenza personale del giudicando, salvo particolari condizioni d’impiego che prevedano l’obbligatoria acquisizione di elementi informativi di supporto.

 

Le valutazioni dei superiori sono ispirate a principi d’obiettività, imparzialità ed alto senso di equità nell’apprezzamento di tutti gli elementi che influiscono sull’attività e sul rendimento del dipendente. La capacità di giudizio costituisce, a sua volta, elemento di valutazione.

 

 

 

Come sindacare il rapporto informativo

Secondo i tribunali amministrativi e, più nello specifico, il Tar Lazio [1], non è possibile sindacare il contenuto dei rapporti informativi dei militari in servizio mediante i consueti canoni dell'eccesso di potere, come accade in relazione ai giudizi tecnico-discrezionali della PA ove è possibile verificare la motivazione alla luce delle regole scientifiche di settore.

 

Qui, invece, si deve invece allegare un contesto di fatto (adeguatamente provato) tale da mettere in dubbio la genuinità del giudizio, dimostrandone l'incoerenza interna o la grave e manifesta irragionevolezza.

 

La cosa da tenere in debito conto è che, in ogni caso, non è permesso al giudice di sostituirsi al valutatore rinnovandone l'apprezzamento.

 

Quindi il magistrato amministrativo non può entrare nel merito dei giudizi.

 

 

 

Come riuscire ad annullare il rapporto

Seguendo il principio sopra indicato, proveniente direttamente dalla voce dei magistrati che si occupano quotidianamente di questa materia, non è semplice arrivare all’annullamento del rapporto informativo.

 

Per riuscire nell’intento ciò che occorre al militare è la prova che il giudizio dato dall’amministrazione militare non è genuino e che, in ultima analisi, appare chiaramente incoerente o non ragionevole.

 

 

 

[1] Tar Lazio Roma Sez. 2 ter, sentenza n. 12498 del 30.10.2019.

 

 

 

chiedi consulenza

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 310 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.