Venerdì, 01 Ottobre 2021 13:19

Militari: regole per l’accesso agli atti

Scritto da

Il Consiglio di Stato ha condensato i criteri per l’accesso agli atti dell’amministrazione militare da parte del dipendente.

 

 

 

I Giudici amministrativi, in occasione di una recente sentenza [1], hanno preso spunto per fissare con chiarezza alcuni principi di fondo che regolano l’accesso agli atti da parte dei militari, i quali abbiano necessità di conoscere nel dettaglio determinati documenti che reputano utili o decisivi a supporto di un ricorso.

 

Bene: la premessa dei Magistrati è che in seguito alle modifiche apportate dalla legge n. 15/2005 alla legge n. 241/1990, la pubblicità e la trasparenza dell’attività amministrativa sono la regola, mentre la secretazione dei documenti è l’eccezione.

 

Quindi le ipotesi di sottrazione all’accesso devono essere interpretate in maniera rigorosa e tassativa, non essendo possibili interpretazioni estensive delle limitazioni previste dalla legge n. 241/1990.

 

Detto questo, il Consiglio ha chiarito che l’accesso può essere anche di notevole estensione, ma non per questo necessariamente volto ad un controllo generalizzato dell’azione amministrativa, tale quindi da escludere il diritto di accesso.

 

Per i militari sono dunque ammessi tutti i casi di cosiddetto accesso difensivo, che sussiste qualora via sia un nesso tra la documentazione oggetto dell’istanza di accesso e le censure formulate o da formulare nel ricorso.

 

Ciò a prescindere dalla verifica di fondatezza della pretesa in causa e senza alcuna indagine sulla concreta utilità che il documento potrebbe avere in sede giurisdizionale.

 

In definitiva, le regole per l’accesso agli atti sono chiare e vanno nel senso dell’estensione del diritto, non della sua compressione.

 

[1] Consiglio di Stato Sezione Seconda, sentenza n. 5589/21 pubblicata il 27.07.2021.

 

 

 

Chiedi consulenza legale

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 399 volte Ultima modifica il Venerdì, 01 Ottobre 2021 14:51
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.