Mercoledì, 16 Agosto 2017 14:53

Rubare corrente in caso di indigenza: cosa succede in causa?

Scritto da
Bisogna vedere se il furto avviene o no in uno stato di necessità della personaIl furto di elettricità

 

Per spiegare la particolare circostanza nella quale una persona si trova a mettere in atto questa deplorevole azione, utilizziamo una recente sentenza della Corte di Cassazione penale, la n. 37930/17.

Qui i giudici hanno affrontato la questione nell'ambito di una controversia condominiale, riferendosi al furto di energia elettrica da una plafoniera del condominio: la donna ruba ed afferma di non avere risorse adeguate per pagare la corrente, visto che si trova in uno stato di grave indigenza, essendo rimasta senza lavoro con l'esigenza di accudire i figli che, a suo dire, non hanno neppure la possibilità di lavarsi.

Sembra una situazione drammatica.

Il nocciolo del convincimento della Corte è però diverso.

 

 

L'esimente dello stato di necessità

La Corte di Cassazione non si convince della tesi della ricorrente, la quale cerca di far passare l'idea che il furto è avvenuto solo ed esclusivamente per causa della gravissima situazione di indigenza in cui versa la propria famiglia, composta anche da minori.

In effetti, già la Corte territoriale ha appurato la non esistenza di un pericolo attuale di danno grave ai bambini.

 

Ecco gli elementi in base ai quali la Cassazione ha deciso:

  • per la cottura di cibi la donna usa bombole di gas,
  • nel periodo primaverile l'allaccio abusivo alla corrente non è giustificato dall'esigenza di riscaldamento dell'abitazione,
  • la donna, all'epoca del fatto, ha uno stipendio,
  • non è accertato lo stato di disoccupazione,
  • non si è rivolta agli assistenti sociali.

 

Conclusioni

Il principio che si ricava dalla sentenza è questo:

l'esimente dello stato di necessità non si può applicare a reati asseritamente provocati da uno stato di bisogno economico, se a questo stato si può ovviare con comportamenti non criminali: infatti ai bisogni primari delle persone indigenti si può provvedere con l'aiuto degli assistenti sociali.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1507 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:57
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.