Giovedì, 22 Luglio 2021 15:21

Atti persecutori

Scritto da

Reati contro la persona, mutamento transitorio delle abitudini di vita, stalking.

 

 

Prendo spunto da alcune domande poste dai lettori di MiaConsulenza.it in tema di atti persecutori /stalking.

 

Innanzitutto, come ci segnala Wikipedia, stalking è un termine utilizzato per indicare una serie di atteggiamenti tenuti da un individuo, detto stalker, che affliggono un'altra persona perseguitandola, generandole stati di paura e ansia, arrivando persino a compromettere lo svolgimento della normale vita quotidiana.

 

Il termine stalking, e quindi stalker, deriva dal verbo to stalk, ossia "camminare con circospezione", "camminare furtivamente", "colui che cammina in modo furtivo" indicante anche il "cacciatore in agguato".

 

Dunque si parla di atteggiamenti e condotte smarcatamente persecutorie realizzate da un individuo nei confronti di un altro.

 

In tema di atti persecutori, l'alterazione o il cambiamento patologico delle abitudini di vita della persona offesa può essere anche transitorio, ma non occasionale.

 

Ad esempio, è stato ritenuto configurabile il reato in casi in cui la vittima era stata costretta a trasferirsi per alcuni giorni nell'abitazione di un amico, per il timore ingenerato dal comportamento intimidatorio dell'imputato, che le aveva incendiato l'autovettura.

 

Più in generale la persecuzione avviene per mezzo di reiterati tentativi di aggressione, sia accompagnata da comunicazione verbale e non, oppure con attività quali appostamenti e intrusioni nella vita privata di un individuo.

 

Lo stalking può nascere come complicazione di una qualsiasi relazione interpersonale.

 

E’ un modello comportamentale che identifica intrusioni costanti nella vita pubblica e privata di una o più persone.

 

Esso può realizzarsi ad esempio tramite l'invio di lettere, biglietti, posta elettronica, sms e oggetti non richiesti.

 

Più difficile è l'attribuzione del reato di stalking a messaggi indesiderati di tipo affettuoso - specie da parte di ex partner o amici - che può variare a seconda dei casi personali.

 

Oppure producendo scritte sui muri o atti vandalici con il danneggiamento di beni, in modo persistente e ossessivo, in un crescendo culminante in minacce, scritte e verbali, degenerando talvolta in aggressioni fisiche con il ferimento o, addirittura, l'uccisione della vittima.

 

Tutto questo, o parte di esso se compiuto in modo persistente e tenace in modo da indurre anche solo paura e malessere psicologico o fisico nella vittima, rappresenta la nozione di atti persecutori e chi li attua è un persecutore: un soggetto che commette un atto criminale.

 

Se ritieni di essere vittima di atti persecutori, non esitare a presentare la denuncia.

 

 

 

 

Fonte: Wikipedia e Plusplus24Diritto

 

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 261 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590
Altro in questa categoria: « Come presentare una querela

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.