Martedì, 07 Dicembre 2021 15:08

Reato stradale e sospensione patente

Scritto da

In occasione di un patteggiamento penale a seguito di reato stradale, il giudice deve sempre motivare la sospensione della patente di guida, specie se questa viene applicata nella sua misura massima.

 

 

 

Quando, a seguito di un patteggiamento, viene applicata la pena di x mesi di reclusione ed y anni di sanzione amministrativa accessoria della patente di guida, sanzione applicata nel suo massimo edittale e senza un’adeguata e convincente motivazione, la sentenza va annullata.

 

Lo dice la Cassazione penale con la sentenza n. 44971 del 6 dicembre 2021.

 

In pratica questo si verifica quando il giudice, in sede di applicazione della pena su richiesta, omette di dare conto dei criteri di determinazione della sanzione amministrativa accessoria da applicare.  

 

In particolare: se la sanzione della sospensione della patente risulta applicata in misura massima senza alcuna motivazione sulle ragioni di tale scelta.

 

A tale proposito, le sentenze fissano due punti:

 

a) il giudice che applica, con la sentenza di patteggiamento, la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, non deve fornire una motivazione specifica solo quando la sanzione si attesta non oltre la media edittale e non ci siano specifici motivi di meritevolezza in favore dell'imputato;

 

b) invece il giudice è tenuto a fornire una motivazione puntuale quando la misura sanzionatoria si allontana dal minimo previsto dalla legge.

 

Nel caso trattato dalla Corte e risolto con la sentenza 44971 è stata applicata la pena di sei mesi di reclusione e la sospensione della patente di guida per due anni.

 

In conclusione è pertanto utile sapere che, nella scelta della durata della sanzione amministrativa accessoria, il giudice deve:

 

1) far riferimento alla gravità della violazione commessa,

 

2) all'entità del danno apportato,

 

3) al pericolo che l'ulteriore circolazione potrebbe provocare, secondo i criteri fissati dall’articolo 218 C.d.S. comma 2: cioè deve avvalersi del criterio predeterminato per l'autorità amministrativa che disponga la sospensione della patente.

 

 

 

 

Vuoi assistenza legale?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Letto 141 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.