Sabato, 15 Settembre 2018 15:56

Militare giudicato per errore non idoneo quale VFB

Scritto da

 

L’AVVOCATO RISPONDE

MILITARE GIUDICATO PER ERRORE NON IDONEO QUALE VFB

LA DOMANDA

Chiedo un breve parere per iniziare eventualmente un procedimento di risarcimento del danno provocato dalla omessa riassunzione in servizio di un militare; egli è stato giudicato non-idoneo quale VFB e riformato art. 16N in quanto ritenuto affetto da persistenti turbe psichiche.  Una sentenza ha però annullato tutti i provvedimenti emessi dal Ministro della Difesa: occorre ora ripristinare lo status quo ante con il dovuto risarcimento. Allego copia della sentenza Tar a favore del militare e contro il Ministero della difesa.

 

LA RISPOSTA

Ciò che appare risarcibile è il quantum che sarebbe spettato al dipendente dal momento del congedo (anticipato ed erroneo per effetto dell’errore sullo stato di salute) sino al momento in cui egli invece avrebbe dovuto essere congedato per fine servizio quale VFB. 

Diverso e più difficile sembra invece l’aspetto dell’ipotetico risarcimento per perdita di chance e del danno esistenziale patito, quale omessa reintegrazione in servizio e perdita della possibilità di conseguire il prosieguo della carriera.  Il termine della ferma breve e l’eventuale transito nei ruoli degli effettivi (servizio permanente) rappresenta un elemento che deve essere statisticamente rilevante in termini prognostici circa il raggiungimento del risultato sperato: in tal caso incombe sul ricorrente l’onere di provare l’esistenza della probabilità di conseguimento del risultato sperato, tale processo – seppur astratto – deve ragionevolmente far ipotizzare una possibilità di riuscita superiore al 50%.  Occorre parametrare, in base ai requisiti previsti dalle norme dell’arruolamento (art. 701 D.Lgs. n. 66 del 15.03.2010 …. i criteri e le modalità per l'ammissione dei volontari in ferma prefissata alle ulteriori rafferme biennali sono disciplinati con decreto del Ministro della difesa – art.704 art. 701 D.Lgs. n. 66 del 15.03.2010 …Al termine della ferma prefissata quadriennale ovvero di ciascun anno delle rafferme biennali, i volontari giudicati idonei e utilmente collocati nella graduatoria annuale di merito sono immessi nei ruoli dei volontari in servizio permanente con le modalità stabilite con decreto del Ministero della Difesa (ndr che consistono nell’esame dei titoli e nel superamento di esami) le probabilità che avrebbe avuto il ricorrente se, al termine della suo periodo di servizio quale VFB, avesse chiesto il transito ad ulteriore ferma biennale e  successivamente il transito in servizio permanente.

Supportando con elementi di fatto gli effettivi cambiamenti di vita del danneggiato e le circostanze comprovanti l’alterazione delle sue abitudini di vita.  La questione del risarcimento del danno per perdita di chance, come detto, non si basa su concreti indici di valutazione ma rientra in un contesto aleatorio difficile da rapportare alla realtà.  Il militare potrebbe attivarsi con una preliminare diffida ad adempiere, o istanza di riesame o atto equivalente, avente ad oggetto:

la richiesta di un Decreto di liquidazione delle somme desunte dalla ricostruzione della carriera (es. stipendio, riliquidazione del premio di congedamento, interessi legali e somme a titolo di rivalutazione monetaria) a decorrere dalla data dell’effettiva collocazione in congedo fino alla data prevista quale termine della ferma breve (a tale scopo si può consigliare la predisposizione di una “perizia” da parte di un consulente del lavoro –o altro esperto del ramo- che delinei la predetta ricostruzione, producibile con l’istanza); con l’occasione di questa richiesta si può formulare in concomitanza un’istanza di accesso agli atti tendente a verificare se l’amministrazione ha effettivamente eseguito l’ordine del giudice annullando gli atti impugnati con il ricorso concluso con sentenza Tar.

in caso di esito negativo, a quel punto proporre l’ottemperanza ex art. 112 c.p.a. per l’esecuzione del giudicato e, poi, per il riconoscimento del diritto sopra indicato.   

 

Qui vedi altri post in diritto militare:

https://www.miaconsulenza.it/diritto-militare/2-diritto-militare/79-documentazione-caratteristica-dei-militari-e-criticabile

https://www.miaconsulenza.it/diritto-militare/2-diritto-militare/44-il-diritto-di-difesa-dell-incolpato

https://www.miaconsulenza.it/diritto-militare/2-diritto-militare/100-pubblico-impiego-militari-si-possono-provare-i-danni-da-sanzione-disciplinare-e-trasferimento-per-incompatibilita-ambientale

https://www.miaconsulenza.it/diritto-militare/2-diritto-militare/162-disciplina-militare-sapevi-che-la-commissione-non-si-puo-variare

 

Vuoi una consulenza personalizzata su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2416 volte
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.