Mercoledì, 13 Marzo 2019 12:03

Militare denunciato per truffa e falso

Scritto da

 

L'AVVOCATO RISPONDE

 

LA DOMANDA

Sono un Sottufficiale a cui è capitato di essere denunciato per truffa e falso.

Fortunatamente, ma anche perchè ero innocente davvero, sono stato assolto in primo grado con sentenza passata in giudicato (in quanto non è stato nemmeno presentato appello dal PM che anzi, nella propria discussione, è stato il primo a chiedere l'assoluzione), con le formule di "perchè il fatto non sussiste" e "per non aver commesso il reato".

Anche la mia posizione disciplinare, naturalmente vagliata dalla mia amministrazione militare a conclusione della vicenda, ha portato a "nessuna erogazione sanzionatoria di alcun tipo" verso la mia persona o il mio grado.

Ora:
poichè a denunciarmi sono stati alcuni militari e siccome la sentenza indica chiaramente come la loro condotta verso di me è stata "complottistica" e finalizzata a sottrarsi alla mia azione di comando, non avendo io l'intenzione di procedere penalmente per non sobbarcarmi nuova lunga e penosa vicenda procedurale, mi chiedevo e rivolgo a Lei tale quesito e, cioè, se alla luce della condotta di quei militari miei accusatori, la mia amministrazione non possa e/o debba iniziare autonomamente un procedimento disciplinare verso di loro, NON per aver esercitato il loro legittimo diritto di denuncia, laddove presentata con "buona fede" verso una mia condotta apparsa illegale ai loro occhi, ma per il fatto di essersi accordati palesemente contro me in "mala fede" così come ben riportato dal Giudice in sentenza!

Che ne pensa?

Ho il diritto o no di vedere quantomeno sanzionati disciplinarmente i miei accusatori, senza doverli denunciare per forza, ma alla sola luce della mia sentenza che evidenzia benissimo quanto prevenuti e cattivi siano stati verso di me?

 

 

LA RISPOSTA

Buongiorno: se dal testo della sentenza si evince un comportamento non compatibile con le norme/regolamenti militari, l'amministrazione può valutare i fatti sotto il profilo disciplinare.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1702 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Marzo 2019 11:24
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.