Martedì, 22 Settembre 2020 17:38

Armi, i quesiti dei lettori: vecchi reati del familiare convivente

Scritto da

La domanda

Salve avvocato ho visto il suo numero su un forum in internet Potrei farle una domanda per avere un consiglio riguardo il rinnovo del porto d’armi? ..le spiego brevemente ho mandato a rinnovo.. sono una persona pulitissima nn ho fermi ne avvistamenti e tutto il resto.... abito nella stessa abitazione con mio papà che nel lontano 11111xxx ha commesso un reato di cui ha scontato tutto si è riabilitato e da un anno possiede di nuovo il porto d armi di nuovo....siccome da quello che mi hanno fatto capire in commissariato si stanno soffermando su quel reato ho qualcosa da temere?

 

Che reato ha commesso suo padre?

 

Coltivazione di canapa: tranne quel reato nn ha niente altro mio papà. Grazie Avv.

 

 

 

La risposta

La ringrazio per aver posto la domanda; in effetti vi è confusione sulla questione da Lei prospettata.

 

Cerchiamo di fare un pò di chiarezza, sia pur in estrema sintesi.

 

La disciplina in materia di detenzione delle armi è disciplinata in Italia dal T.U.L.P.S.

 

Ebbene sono gli articoli 11 e 43 a prevedere i casi in cui il richiedente- a causa di precedenti penali - non può ottenere la licenza di porto di fucile o di porto d'arma.

 

I predetti articoli non fanno alcun riferimento a possibili dinieghi della domanda di rinnovo/rilascio delle licenze in argomento da parte della pubblica amministrazione per il fatto di convivere con una persona che ha commesso un illecito penale.

 

Occorre sempre ricordare che la responsabilità è personale e che le conseguenze giuridiche di un reato non possono mai ricadere su familiari o conviventi.

 

E nemmeno potrebbe invocarsi il disposto della normativa in materia di stupefacenti che recita “Chiunque, per farne uso personale, illecitamente importa, esporta, acquista, riceve a qualsiasi titolo o comunque detiene sostanze stupefacenti o psicotrope è sottoposto, per un periodo da due mesi a un anno, se si tratta di sostanze stupefacenti o psicotrope comprese nelle tabelle I e III previste dall'articolo 14, e per un periodo da uno a tre mesi, se si tratta di sostanze stupefacenti o psicotrope comprese nelle tabelle II e IV previste dallo stesso articolo, a sospensione della licenza di porto d'armi o divieto di conseguirla...”.

 

Inoltre come Lei riporta, per suo padre è intervenuta la riabilitazione, con la conseguenza che questi ha potuto rinnovare il proprio porto d'armi.

 

Infatti, è ormai un orientamento consolidato in dottrina e giurisprudenza ritenere che il disposto dell'art. 43 T.U.L.P.S non debba intendersi come prevedente un divieto assoluto e perpetuo di ottenere il rilascio del porto d'armi.

 

In sostanza: l'intervenuta riabilitazione del condannato, come pure ormai spesso ripetuto dal Consiglio di Stato, fa venire meno il divieto di ottenere il rinnovo/rilascio del porto d'armi.

 

Nel suo caso, se ha avuto sentore che la competente Questura sta analizzando il precedente di suo padre, Le consiglio di mantenere una condotta specchiata come sempre ha fatto finora.

 

Nel caso in cui la Questura dovesse rigettare la sua domanda, ritengo che vi siano fondati motivi per impugnare la decisione innanzi alla competente autorità giurisdizionale, con ottime possibilità di ottenere una sentenza a lei favorevole.

 

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 432 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.