Sabato, 27 Marzo 2021 12:12

Demolizione di manufatto abusivo

Scritto da

Domanda di condono edilizio. Revoca o sospensione dell’ordine di demolizione. Requisiti.

 

 

 

Principio generale

Quando l’ordine non può essere revocato

Quando l’ordine può essere revocato

 

 

 

Principio generale

L’ordine di demolizione può essere revocato quando risulta incompatibile con atti amministrativi della competente autorità.

 

Vediamo però prima, in estrema sintesi, il principio su cui gravita la materia.

 

 

 

Quando l’ordine non può essere revocato

L’ordine di demolizione di un manufatto abusivo, impartito con sentenza irrevocabile, in generale non può essere revocato o sospeso sulla base della semplice pendenza di un ricorso contro il rigetto della domanda di condono edilizio.

 

La revoca o la sospensione dell’ordine di demolizione delle opere abusive, in conseguenza della presentazione di un’istanza di condono o di sanatoria dopo il passaggio in giudicato della sentenza di condanna, presuppone pur sempre l’accertamento da parte del giudice dell’esecuzione dell’esistenza di elementi che facciano ritenere plausibilmente prossima l’adozione, da parte dell’autorità amministrativa competente, del provvedimento di accoglimento.

 

In pratica, il giudice dell’esecuzione è tenuto a esaminare i possibili esiti e i tempi di conclusione del procedimento amministrativo, in particolare:

 

1) il prevedibile risultato dell’istanza,

 

2) la sussistenza di eventuali cause ostative al suo accoglimento,

 

3) la durata della procedura, che può determinare la sospensione dell’esecuzione quando il suo esaurimento si presenta rapido.

 

 

 

Quando l’ordine può essere revocato

Dunque, l’ordine di demolizione può essere revocato quando risulta incompatibile con atti amministrativi della competente autorità, che abbiano conferito all’immobile una diversa destinazione o ne abbiano sanato l’abusività, fermo il potere dovere del giudice di andare a verificare la legittimità dell’atto concessorio [1].

 

[1] Corte di Cassazione Sez. 3 penale, sentenza n. 11638 del 26.03.2021.

 

 

 

Vuoi una consulenza?

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 166 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.