Venerdì, 04 Giugno 2021 14:35

Porto di pistola, attività lavorativa, maneggio di denaro

Scritto da

Licenza di porto d'armi. Diniego di porto di pistola per difesa personale. Quando il diniego non è legittimo.

 

 

 

La domanda

Buongiorno Avvocato: quando si può ritenere illegittimo il diniego del rinnovo di porto di pistola connesso all'attività lavorativa svolta dall'interessato?

 

 

 

La risposta

È illegittimo il diniego del rinnovo di porto di pistola connesso all'attività lavorativa svolta dall'interessato, per necessità costretto a maneggiare denaro contante, frutto delle attività imprenditoriali indicate (es. stazione di rifornimento di carburante con punto ristoro con servizio bar, punto vendita di accessori per auto, edicola e rivendita di tabacchi, valori bollati nonché ricevitoria Sisal) laddove l'autorità abbia mancato di valutare congruamente le circostanze addotte dalla parte istante, barricandosi dietro l'ampia discrezionalità del procedimento nonché dietro la prospettata agevole possibilità per l'imprenditore di ricorrere a rimedi alternativi, i quali consentano di evitare il trasporto di denaro e la sicura vigilanza sui luoghi ove sono site le varie attività.

 

Richiedere al titolare l'approntamento di sistemi di videosorveglianza ovvero di vigilanza armata nonché imporre all'istante di avvalersi di mezzi di pagamento automatici, i quali escludano il denaro contante, implicano un onere che va al di là dell'apprezzabile sacrificio [1].

 

È sufficiente solo rilevare il sensibile costo economico che i rimedi in ipotesi proposti dalla Prefettura comporterebbero, costo che esula dall'ordinario sforzo esigibile secondo buona fede, soprattutto in un'epoca, quale quella attuale, caratterizzata da nota recessione economica.

 

Senza contare il pregiudizio indiretto che subirebbe l'esercente, in termini di storno della clientela, la quale si potrebbe orientare verso altri esercizi i quali consentano il pagamento in contanti per i piccoli acquisti e per i piccoli rifornimenti.

 

[1] Il Tar Calabria sez. 1, con la sentenza n. 1074 del 02.11.2016 ha confermato la tesi sopra illustrata.

 

 

 

Hai bisogno di altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1776 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.