Lunedì, 14 Agosto 2017 13:38

Licenziamento: differenze tra "discriminatorio" e "ritorsivo"

Scritto da

 

Le sentenze che ne parlano

Si tratta di due pronunce molto importanti: la prima del 2016, precisamente la sentenza della Corte di Cassazione n. 6575 del 5 aprile 2016, la seconda la n. 14456 del 9 giugno 2017.

Sentenze che rivedono un po’ quello che era stato l’orientamento (diciamo tradizionale) del 2015.

 

 

Il licenziamento discriminatorio

Sulla base quindi delle ultime pronunce diversi sono i casi di licenziamento discriminatorio; esso si configura quando:

  1. il recesso del datore di lavoro si basa su motivi di fede religiosa o credo politico,
  2. il lavoratore svolge attività sindacale o appartiene a un sindacato,
  3. vi sono ragioni razziali,
  4. di sesso,
  5. di handicap,
  6. di età,
  7. si va a pesare l’orientamento sessuale o le convinzioni personali del dipendente,
  8. la sieropositività del dipendente,
  9. altre ipotesi non espressamente previste dalla legge.

 

 

Il licenziamento ritorsivo

Questo tipo di licenziamento, stando al richiamato orientamento della Corte, ha a che fare con la rappresaglia vera e propria.

Si tratta di quei casi dove il licenziamento viene intimato in quanto il datore non gradisce determinati comportamenti del lavoratore.

Qui l’atto posto in essere dal datore di lavoro può essere nullo nei seguenti casi

  • motivo illecito,
  • esclusivo.

 

 

In pratica

Secondo la precedente visione della Suprema Corte, la nullità del licenziamento andava vista con modalità estesa: in buona sostanza era una sanzione omnia per ogni condotta del datore (discriminatoria o ritorsiva senza alcuna differenza) che rappresentasse un’illecita reazione di vendetta nei confronti del dipendente, il quale avesse comunque posto in essere una qualsiasi condotta lecita (per esempio nell’esercizio di un suo diritto).  

Anche il motivo discriminatorio doveva essere l’unica motivazione del recesso da parte del datore, affinché potesse considerarsi nullo.

Cambio di direzione, invece, con il più recente solco giurisprudenziale.

Ora tra le due fattispecie c’è distinzione:

  • la discriminazione deriva da violazioni di norme di diritto
  • la ritorsione invece rende il recesso nullo solo se collegato a un motivo illecito, esclusivo o determinante.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta la Redazione oppure l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1634 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 19:00
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.