MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Domenica, 26 Agosto 2018 14:40

Porto d'armi per difesa personale

Scritto da

 

Porto d’armi per difesa personale

 

Il Ministero, ogni tanto, fa finta di niente!

Scopriamo come è possibile arrivare ad ottenere un riesame del diniego sul rinnovo della licenza di porto d’armi per difesa personale, anche quando il Ministero… fa finta di non dover far niente.

Cosa fare allora se il Ministero dell’Interno fa orecchie da mercante su un’ordinanza cautelare del Tar, favorevole per il ricorrente, che però rimane ineseguita?

Beh, la soluzione è la seguente.

Bisogna riportare la questione davanti la magistratura e insistere per la nomina di un Commissario ad acta, il quale provvederà a fare ciò che l’amministrazione condannata non ha fatto o ritiene di non poter o voler fare.

Sembra incredibile, eppure nell’intricato mondo giuridico del diritto delle armi succede anche questo.

Non solo l’interessato è costretto a rivolgersi ai giudici per far valere un suo sacrosanto diritto/interesse (risolvere la sua questione sul diniego del rinnovo della licenza di porto d’armi per difesa personale), ma deve scrivere il suo ricorso in modo accurato, così che la Magistratura comprenda il suo problema e lo aiuti a risolverlo.

 

Il caso

La Terza Sezione del Consiglio di Stato ha pubblicato l’Ordinanza n. 3817/2018 del 23 agosto 2018, molto importante in quanto favorevole alla persona interessata in materia di rinnovo della licenza di porto d’armi per difesa personale.

Andiamo dunque a curiosare un po’ tra le pieghe di questo utile provvedimento.

Per facilitare la lettura dei singoli passaggi della decisione, li dividerò in sottoparagrafi.

 

Prima fase

Con ordinanza n. 1491/2018, la Sezione ha accolto la domanda cautelare proposta dall’appellante, ai fini del riesame della richiesta di rinnovo del porto d’arma, alla luce della motivazione - secondo la quale “Considerato che l’appellante, come documentato in atti, svolge attività di avvocato da lunghissimo tempo ed il suo studio opera in un contesto territoriale caratterizzato da articolato tessuto criminale; Rilevato che le dichiarazioni dell’appellante, relative alla difesa in vicende di beni sequestrati, collaboratori e testimoni di giustizia, non potendo il difensore comunicare nomi ed elementi identificativi di tali casi trattati e clienti assistiti, ben avrebbero potuto e dovuto – ai fini del diniego – essere verificate con gli strumenti che certo le autorità di sicurezza pubblica possiedono;”.

 

Seconda fase

L’appellante ha presentato istanza di esecuzione della misura cautelare chiedendo la nomina di un commissario ad acta;

La Prefettura ha adottato però un nuovo provvedimento di diniego, in realtà un vero e proprio rifiuto di esecuzione del provvedimento cautelare.

In assenza di specifiche difese dell’Amministrazione, essa con il nuovo provvedimento non mostra di aver compreso e considerato in modo adeguato quanto indicato nell’ordinanza n. 1491/2018, posto che - dopo aver sottolineato che “questa Prefettura non è legittimata ad entrare autonomamente in possesso di atti e documenti nella disponibilità delle Forze dell’ordine e dell’Autorità giudiziaria … e pertanto è solo ed esclusivamente sugli atti trasmessi dagli organi competenti, previa esplicita richiesta, che l’Amministrazione procedente può legittimamente fondare il proprio giudizio (oltre che, ovviamente, sugli atti e documenti prodotti dall’istante);” - non tiene conto che con la predetta ordinanza è stato affermato l’onere dell’Amministrazione di acquisire d’ufficio, se del caso effettuando le opportune richieste formali (in primis, nei confronti del Servizio Centrale di protezione testimoni e collaboratori di Giustizia), le informazioni necessarie ad una adeguata valutazione della domanda di rinnovo.

 

Terza fase  

Il Consiglio di Stato ritiene che sono inequivocabili gli adempimenti che l’Amministrazione deve porre in essere per riscontrare adeguatamente la domanda dell’interessato.

Pertanto, ritiene di dover assegnare al Prefetto l’ulteriore termine di trenta giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza per acquisire le informazioni necessarie e provvedere al riesame della domanda di rinnovo, e di dover nominare fin d’ora, per l’ipotesi di infruttuoso decorso del termine predetto, un commissario ad acta, affinché, su richiesta dell’appellante, provveda in via sostitutiva al riesame, entro l’ulteriore termine di trenta giorni dalla richiesta.

 

In pratica

Il Consiglio di Stato accoglie la domanda di esecuzione dell’ordinanza cautelare n. 1491/2018 e:

assegna al Prefetto di Napoli l’ulteriore termine di trenta giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza per acquisire le informazioni necessarie e provvedere al riesame della domanda di rinnovo della licenza di porto d’armi per difesa personale presentata dall’appellante;

nomina un commissario ad acta affinché, in caso di infruttuoso decorso del suddetto termine, provveda in via sostitutiva al riesame entro l’ulteriore termine di trenta giorni dalla richiesta.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2078 volte Ultima modifica il Domenica, 26 Agosto 2018 14:58
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!