Mercoledì, 16 Agosto 2017 11:06

Detenzione armi: come vincere ricorso in Consiglio di Stato

Scritto da

Come dimostrare la reale necessità di circolare armati per la difesa personale

 

Il caso

Prendiamo spunto dalla sentenza n. 2410 del 23 maggio 2017 del Consiglio di Stato.

La Prefettura nega all'interessato il rinnovo dell'autorizzazione al porto di pistola per difesa personale (posseduto da svariati anni).

Proposto il ricorso ed istruita la causa, in primo grado il Tar da subito ragione al ricorrente: in pratica nota che vi è una contraddizione tra i motivi di diniego e una nota della Questura, dove invece si conferma la necessità della persona di girare armata (art. 42 TULPS).

In appello accade la stessa cosa: il Consiglio di Stato rigetta le motivazioni del Ministero, accordando preferenza agli argomenti del ricorrente.

 

 

La soluzione della vicenda

Come anticipato, i Magistrati del secondo grado non condividono il ricorso ministeriale.

Vediamo il cuore dell'importante pronuncia, elencando per comodità i singoli argomenti utili per il lettore che si dovesse trovare in situazioni analoghe.

Primo argomento. La nota della Questura, anche se ha un valore non vincolante ai fini del decidere, in questo caso ha invece un grande valore, in quanto l'Autorità ha una conoscenza diretta dell'interessato e, comunque, ha un contenuto chiaro ed univoco, ragion per cui una qualsiasi decisione difforme da tale contenuto avrebbe richiesto una motivazione ben più articolata,

 

Secondo argomento. La persona ha spiegato in dettaglio le ragioni specifiche della sua attività imprenditoriale in quanto, dopo un preavviso di diniego, egli ha indicato tutti i fatti pregressi che ha dovuto subire: precisamente un tentativo di rapina e un'aggressione subita dalla moglie ad opera del vicino,

 

Terzo argomento. Questi elementi, dice il C.d.S, hanno un loro peso in quanto non sono correlati unicamente all'attività professionale, ma attengono all'incolumità personale dell'appellato e dei suoi familiari.

 

 

Conclusioni

Il pericolo attuale e concreto in cui si trova la persona interessata (e non solo il tipo di attività professionale rischiosa svolta dal ricorrente) suggerisce di rivedere i motivi del diniego ministeriale ed approfondire la questione in senso favorevole al privato.

 

 

Un consiglio

Quando si nota la contraddittorietà nelle motivazioni del diniego indurre la Prefettura, attraverso un buon ricorso amministrativo seguito dal favorevole parere dei giudici, a rivedere la propria posizione e valutazione.

Importante, quindi, è l'analisi di tutti i presupposti utili all'interessato, che si deve fare prima dell'eventuale ricorso con l'aiuto di un difensore preparato nella specifica e complessa materia: l'avvocato potrà infatti fornire precisi elementi di valutazione al suo cliente, anche in termini di probabilità di successo dell'azione.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1572 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:57
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.