Lunedì, 28 Ottobre 2019 07:11

Atteggiamento da caccia: che cos’è?

Scritto da

 

Si desume che la persona è in "atteggiamento da caccia" da un insieme di elementi, per esempio la presenza in luogo di caccia e la detenzione di strumenti idonei allo scopo, indicativi di un'attività volta alla soppressione o cattura di uccelli o animali in genere.

Conoscere questa nozione può avere una sua importanza in molte situazioni.

Pensiamo ai divieti di caccia, o alla detenzione di cani e richiami acustici non ammessi: qui si tratta, in definitiva, di capire se la condotta tenuta è lecita oppure no.

Di recente, la Cassazione penale si è preoccupata di dare corpo e spiegazione a questo concetto giuridico.

Vediamo come.

 

 

Indice

Il caso

La Cassazione

La soluzione

 

 

Il Caso

il Giudice per le indagini preliminari, a seguito di opposizione a decreto penale di condanna e di giudizio definito con rito abbreviato, condanna una persona alle pene di legge con il beneficio della sospensione condizionale della pena, per aver usato richiami acustici a funzionamento meccanico, elettromagnetico o elettromeccanico, con amplificazione del suono.

In pratica il Giudice ritiene che basti il richiamo sonoro per far ritenere integrato il reato.

Dall’altra parte si osserva che il provvedimento non considera che la nozione di esercizio venatorio rilevante per l'applicazione delle sanzioni previste dalla L. n. 157 del 1992 comprende necessariamente la disponibilita' dei mezzi idonei all'abbattimento o alla cattura della selvaggina.

Inoltre, la libera disponibilita' di un richiamo utile ad attirare i pennuti non integra alcuna contravvenzione se non riferito ad una persona in atteggiamento di caccia.

Quanto alla presenza dei cani da caccia, il provvedimento non considera che, come risulta da un verbale redatto dalla polizia giudiziaria, si tratta di cani da ferma che si limitano a puntare la selvaggina senza rincorrerla o catturarla; dallo stesso verbale di sequestro risulta che essi sono intenti ad addestrare i cani da ferma, tanto che viene applicata la sanzione prevista dalla Legge Regionale n. 33 del 1997, articolo 41; in motivazione, pur dando atto che non sono stati rinvenuti armi e munizioni sulle autovetture, ne' altri strumenti idonei all'apprensione della selvaggina, il Giudice arriva lo stesso a dire che costoro si trovano in atteggiamento di caccia.

 

 

La Cassazione

Il dossier arriva dunque in Corte di Cassazione.

La Terza Sezione penale emette la sentenza n. 19653 dell’08.05.2019, favorevole all’interessato.

Dice la Corte:  ai fini della configurabilita' della contravvenzione di cui alla L. n. 157 del 1992, articolo 21, lettera r), e' necessario che la detenzione di richiami di genere vietato avvenga da persona in "atteggiamento da caccia", desumibile da un insieme di elementi, quali la presenza in luogo di caccia e la detenzione di strumenti idonei allo scopo, sintomatici ed indicativi di un'attivita' volta alla soppressione o cattura di uccelli o animali in genere.

L'interpretazione di "atteggiamento da caccia" e' ampia, ricomprendendo non solo l'effettiva uccisione o cattura della selvaggina, ma anche ogni attivita' preliminare e comunque ogni atto desumibile dall'insieme delle circostanze di tempo e di luogo, che comunque appaia diretto a tal fine.

 

 

La soluzione

Nel caso specifico gli imputati sono stati trovati solo con i cani ed i richiami, senza armi o altri strumenti per la cattura dell'uccellagione.

L'interpretazione del Giudice che ha anticipato la fase iniziale addirittura al momento del presumibile addestramento dei cani da caccia non e' coerente con il dato normativo, che richiede comunque elementi univoci, in termini di organizzazioni di mezzi (es. disponibilita' di reti, gabbie, trappole, armi etc.) e di persone, nel senso del compimento della condotta criminosa.

 

 

Se hai bisogno di assistenza legale in questa materia, chiama lo studio oppure scrivi una mail per avere la consulenza giuridica.

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 818 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Ottobre 2019 07:31
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590
Altro in questa categoria: « Pistola lanciarazzi

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.