MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Lunedì, 03 Dicembre 2018 11:34

Come cancellare informazioni personali dalla rete

Scritto da

 

Come farsi dimenticare dai motori di ricerca?

Si, stiamo parlando del diritto all’oblio, ossia di quel particolare diritto della persona e non vedere più indicizzato il proprio nome sul motore di ricerca, magari dopo che sono passati alcuni anni da quando è stato interessato, per esempio, da una vicenda penale o ha dovuto faticosamente reinserirsi nel tessuto sociale dopo aver scontato il carcere.

Ma gli esempi potrebbero essere tanti.

 

 

Quale regola si applica?

Il criterio generale che riguarda questa particolare e controversa materia è il principio di certezza del diritto.

Questo principio vuole che si individuino criteri precisi adattabili ad ogni singolo caso, con il solo scopo di chiarire i confini dell’attualità della notizia on line.

 

 

Quando la notizia è ancora attuale?

La domanda che ci si pone è la seguente: come si fa a capire quanto tempo deve passare (o è giusto che passi) prima che scatti il diritto a vedere cancellate le informazioni personali da internet, oppure ad ottenere la deindicizzazione dal motore di ricerca?

La risposta non è semplice e non è affatto scontata o predeterminata.

Possiamo solo dire che, probabilmente, 4 anni sono un tempo ragionevole per far scattare questo diritto: del resto è quanto ci dicono alcuni tribunali nel 2018.

Sembra infatti che, stando ad alcune sentenze, 4 anni sia un lasso di tempo equo, dopo il quale l’utente può chiedere che la notizia venga accantonata nell’archivio informatico della testata giornalistica e, dunque, non sia più reperibile con citazioni del nome e cognome sui motori di ricerca.

Non sembra giusto, infatti, che una persona debba continuare in eterno, o per un lungo lasso di tempo, a subire le ripercussioni di una notizia poco piacevole che lo ha riguardato.

 

 

Esistono altri diritti da tutelare?

La risposta a questa domanda è: si.

Nell’Ordinamento giuridico moderno proteggere i dati personali è fondamentale, tuttavia di eguale importanza è il diritto all’informazione e alla trasparenza, tanto che in dottrina e nelle stesse sentenze si parla di un necessario bilanciamento tra i due.

 

 

Il diritto all’oblio

Sono anni che si studiano le soluzioni applicative più opportune sul diritto all’oblio. La materia è complicata.

Oggi come oggi, il GDPR ha previsto la possibilità dell’utente di ottenere la cancellazione dal titolare del trattamento, quando i dati non sono più necessari.

 

 

Qual è la responsabilità del motore di ricerca?

Chi gestisce il motore di ricerca deve fare in modo che la pubblicazione di dati personali sia sempre lecita.

Questo è il criterio guida.

Pertanto: se in un primo momento l’utilizzo di questi dati era stato lecito, nel momento in cui tale impiego diventa non più necessario /utile, allora si deve provvedere alla loro eliminazione.

Tecnicamente il motore di ricerca ha la possibilità di agire direttamente sul software e ricalibrare il grado di visibilità della specifica notizia.

 

 

Per sapere come cancellare informazioni dalla rete e dai motori di ricerca, scrivimi o chiamami per esaminare il Tuo caso.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 274 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!