Mercoledì, 24 Luglio 2019 07:52

Sentenza di assoluzione e divieto detenzione armi

Scritto da

 

Un vecchissimo divieto di detenzione armi, basato all’origine su un procedimento penale poi concluso con una sentenza pienamente assolutoria, non ha più alcuna ragione di essere mantenuto e deve essere rimosso nel caso non siano sopraggiunti altri elementi ostativi.

 

 

Ti chiederai: se mi trovassi in una situazione del genere come dovrei muovermi per chiedere al Ministero dell’Interno e, dunque, al Prefetto, la rimozione del divieto?

La sentenza penale di assoluzione, che chiude il processo penale, è veramente titolo per smontare il provvedimento amministrativo?

Ebbene, la risposta è si.

 

 

La conferma arriva dalla normativa e da alcune sentenze dei tribunali, tra le quali segnaliamo la n. 1188/19 della Prima Sezione del Tar Palermo, non appellata.

In generale, la vicenda giudiziaria penale è pur sempre un inquinante sul fronte amministrativo per tutto quanto attiene al discorso armi.

L’Autorità può infatti trarre da quella vicenda tutta una serie di elementi e di convincimenti sull’affidabilità e/o pericolosità di quella persona.

Dunque, la prima cosa da considerare, in presenza di una situazione come questa, è il decorso del tempo dalla conclusione della causa penale con la sentenza assolutoria.

 

 

Se si vengono a sommare da una parte la sentenza di assoluzione e, dall’altra, lo scorrere del tempo dal divieto, è evidente che questi due fattori non possono essere ignorati dalla Prefettura per procedere al favorevole riesame dell’istanza con la quale si chiede la revoca del già citato divieto.

Non è, dunque, sufficiente per l’Amministrazione invocare il precedente e remoto divieto; piuttosto deve procedere ad una concreta prognosi che tenga conto di tale evento ma anche della condotta tenuta dall’interessato nell’ampio lasso di tempo successivo al fatto.

 

 

In pratica, l’Autorità deve essere in grado di mettere nero su bianco la persistenza degli indici concreti sull’eventuale ed attuale pericolosità o inaffidabilità della persona interessata sull’uso delle armi.

La rimozione del divieto passa dunque per la fase dove l’amministrazione tiene conto di tutto questo; è evidente che se il Ministero dovesse persistere nel proprio atteggiamento negativo, si aprirà allora per forza la strada del ricorso.

Per tornare un attimo sul caso preso come spunto per il commento, l’amministrazione ha riscontrato l’istanza del ricorrente (riproposta dopo oltre 30 anni dal precedente divieto e a valle di una sentenza ampiamente assolutoria rispetto ai fatti allora valutati come ostativi) laconicamente affermando che “…non risultano motivi utili a riconsiderare le valutazioni di quest’ufficio e, pertanto si conferma il provvedimento di divieto di detenzione di armi e munizioni del 1984”.

Agli occhi dei Magistrati, questa specie di motivazione è apparsa giustamente come una mera clausola di stile e, dunque, del tutto inappropriata.

 

 

Altre informazioni?

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1504 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.