Lunedì, 15 Marzo 2021 14:24

Inottemperanza ordine di demolizione

Scritto da
 

 

Abusi edilizi e destinatari di ordine di demolizione. Accertamento dell’inottemperanza alle statuizioni ripristinatorie. Come impostare il ricorso al Tar.

 

 

 

Una società, destinataria di ordinanze di demolizione, impugna il provvedimento con cui l’ente locale ha accertato l’inottemperanza alle statuizioni ripristinatorie di cui alle suddette ordinanze, acquisendo allo stesso tempo le opere abusive a vantaggio del patrimonio pubblico.

 

Prendendo spunto da una situazione come quella descritta, più in generale come si può impostare un eventuale ricorso contro il provvedimento adottato dal Comune?

 

La soluzione può essere quella di mettere in evidenza i vizi propri del provvedimento accertativo.  

 

Cosa che si verifica, ad esempio, quando il Comune non indica i criteri e parametri utilizzati per individuare la complessiva superficie utile abusivamente costruita quanto quella necessaria, secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche, alla realizzazione di opere analoghe a quelle abusive, per come previsto dal comma 3 dell’art. 31 T.U.E. (secondo cui: “ Se il responsabile dell'abuso non provvede alla demolizione e al ripristino dello stato dei luoghi nel termine di novanta giorni dall'ingiunzione, il bene e l'area di sedime, nonché quella necessaria, secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche, alla realizzazione di opere analoghe a quelle abusive sono acquisiti di diritto gratuitamente al patrimonio del comune […]”).

 

In queste circostanze, infatti, ci troviamo di fronte ad un deficit motivazionale del provvedimento, che non consente di verificare se l’acquisizione sia, o meno, rispettosa del limite dimensionale massimo fissato nell’ultima parte della disposizione normativa secondo cui: “L'area acquisita non può comunque essere superiore a dieci volte la complessiva superficie utile abusivamente costruita”.

 

Insomma, il Comune non può limitarsi ad affermare che l’accertamento della mancata ottemperanza alle ordinanze di demolizione è titolo per l'immissione nel possesso e per la trascrizione gratuita nei registri immobiliari del bene, dell'area di sedime e di quella pertinenziale.

 

Per inciso: un caso di questo tipo è stato esaminato e risolto dal Tar Lazio Sezione Seconda quater, con la recente sentenza n. 2897/2021 pubblicata in data 10.03.2021.  

 

Il succo del discorso è questo: la perdita della proprietà del bene è una vera e propria sanzione.

 

Ma la sanzione della perdita della proprietà per inottemperanza all'ordine di remissione in pristino, pur se è una conseguenza di diritto dall'art. 31 comma 3, D.P.R. n. 380/2001 richiede, in ogni caso, l’adozione di un provvedimento amministrativo che definisca, in maniera precisa, previa esplicitazione ex ante e non già ex post dei parametri urbanistici in concreto applicati, l'oggetto dell'acquisizione al patrimonio comunale attraverso la quantificazione e la perimetrazione, previo frazionamento, dell'area sottratta al privato.

 

Se non lo fa, l’accertamento dell’inottemperanza all’ordine di demolizione può essere portato davanti il giudice, che accoglie il ricorso e annulla il provvedimento.

 

 

 

Vuoi una consulenza?

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1608 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Marzo 2021 14:25
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.