Martedì, 05 Settembre 2017 08:19

Promotore finanziario furbo: la banca restituisce sempre il maltolto?

Scritto da

 

La consegna del denaro al promotore

Sempre sulla falsariga del post che troviamo oggi pubblicato:

vedi: promotore finanziario ruba parecchio: come farsi risarcire dalla banca

vogliamo soffermarci questa volta sull’aspetto della modalità di consegna delle somme (risparmiate) al promotore.

La banca infatti, se citata in giudizio dai proprietari / vittime del promotore troppo scaltro, potrebbe utilizzare come argomento difensivo il fatto che il cliente gli ha consegnato le somme senza seguire il “protocollo” previsto per questo tipo di operazione.

Un argomento formalistico, per così dire, che però non incontrerebbe il favore dei giudici, così come si è verificato in occasione della causa poi conclusasi con la sentenza n. 2541/2017 della già segnalata Corte di Appello di Napoli. 

 

La responsabilità oggettiva della banca

Come già anticipato, anche questo aspetto della vicenda è tratto dalla sentenza n. 2541 dell’11 maggio 2017 della Corte di Appello di Napoli, sezione civile terza bis.

La società di intermediazione finanziaria è stata chiamata a rispondere dell’illecito commesso dal suo promotore, dal momento che c’è stata la dimostrazione chiara di un legame tra l’operazione da lui posta in essere ed esecuzione del mandato dell’istituzione di appartenenza.

Ora, il fatto che il cliente abbia consegnato l’importo senza seguire pari pari il dettato dell’intermediario finanziario, non ha un grosso significato per la Magistratura.

In buona sostanza: anche la consegna di denaro con modalità diversa da quella prescritta dalle regole e dalla prassi, fa si che la banca risponda ugualmente dell’illecito del proprio collaboratore / promotore.

Stiamo parlando, dice la Corte, di vera e propria “responsabilità oggettiva” dell’istituto, connessa al ben noto rischio d’impresa, del tutto indipendente da eventuali indagini su colpa o dolo del preponente di chi conferisce l’investimento.

 

 

Cosa fare in situazioni analoghe

L’elemento importante, sottolineato a chiare note dalla Corte di Appello, è che l’incarico svolto dal promotore abbia determinato una situazione tale rendere possibile l’illecito.

Egli deve aver agito nell’espletamento delle sue funzioni.

In definitiva: la società di intermediazione risponderà sempre dell’illecito commesso a danno di un terzo, dal suo promotore, tutte le volte che questi lo ha commesso in questa veste.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta la Redazione, oppure l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 4280 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:23
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.