Venerdì, 01 Settembre 2017 07:13

Come dimostrare mobbing

Scritto da
Insidie dell'ambiente lavorativo, non facili da provare

 

Il dna del mobbing

Inevitabile partire dalla nozione, anche se molti di voi l’hanno magari già cercata e trovata in altri siti, con tutte le sfumature e le precisazioni del caso.

Per esempio, alcune tra queste nozioni ci riportano il mobbing come una sistematica persecuzione esercitata sul posto di lavoro da colleghi o superiori nei confronti di un individuo, consistente per lo più in piccoli atti quotidiani di emarginazione sociale, violenza psicologica o sabotaggio professionale, ma che può spingersi fino all'aggressione fisica.

Qui diciamo che il mobbing è una forma di oppressione in ambiente lavorativo, messa in atto in modo sistematico da un superiore nei confronti di un dipendente, come se ci si trovasse in presenza di un piano distruttivo architettato con meticolosa cura, un “disegno” (come spesso dice la giurisprudenza e parte della dottrina più accreditata), una trama ordita a danno di qualcuno.

Il mobbing può essere di intensità tale da provocare danni seri a chi lo subisce, tanto a livello fisico quanto psichico.

 

 

Cosa non è mobbing

Il rapporto lavorativo problematico, cioè che non fila via liscio, non è mobbing.

Su questo aspetto del problema, i tribunali sono molto precisi: arrivare a dimostrare in causa il mobbing non è certo cosa semplice.

Molti ricorrenti, ad esempio, hanno tentato la strada del processo al fine di chiedere giustizia al magistrato, ritenendo che determinati comportamenti messi in atto nei loro confronti siano stati caratterizzati da oppressione sistematica e lesiva.

Tuttavia, seguendo questo tracciato non sono riusciti ad avere soddisfazione.

Ad esempio, in un caso trattato dal Tar Napoli (sentenza n. 3014 del 6 giugno 2017) il ricorrente, appartenente ad un’amministrazione militare, non è riuscito a far passare come mobbing un rapporto lavorativo problematico, costellato di licenze negate, ricorsi, lettere di richiamo, punizioni, domande amministrative sempre evase in ritardo, istanze per accesso agli atti sistematicamente negate, e cosi via.

Qui è stato certamente rilevato ed accertato, appunto, un rapporto lavorativo non idilliaco, ma privo dei veri del “fenomeno mobbing”.

 

 

Come si riconosce il mobbing

Il mobbing si riconosce invece in causa se vi è la prova che il rapporto lavorativo, con  le sue dinamiche di subordinazione, ha imboccato una deriva patologica.

Ecco: la patologia è il dna del mobbing, la vera malattia del rapporto di lavoro.

Riconoscere il disegno persecutorio messo in opera da un superiore nei confronti di un sottoposto richiede la conoscenza di criteri, da utilizzare come punti di riferimento.

Le condotte persecutorie devono essere molte e ripetute, possono essere illecite oppure lecite se prese una per una;

il comportamento del datore di lavoro deve essere mirato: il focus del suo atteggiamento deve essere diretto verso l’annientamento del dipendente;

il mobbing si può riconoscere se arreca danni alla persona, disturbi, disagio;

importante è raggiungere la prova del nesso causale, cioè il collegamento reale, tra condotta datoriale e danno all’integrità psico fisica del lavoratore;

il disegno persecutorio va dimostrato, mettendo in chiaro i provvedimenti o comportamenti vessatori e discriminatori.

 

 

Il lavoro dello studio legale sul mobbing

L’avvocato è la figura di riferimento per esaminare dall’inizio la storia del suo cliente.

Con un ascolto profondo e uno studio accurato della documentazione offerta dall’assistito, sarà possibile decifrare le condotte vessatorie al fine di intentare il contenzioso con più che ragionevole probabilità di successo.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta la Redazione, oppure l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 1835 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:33
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.