MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Domenica, 25 Febbraio 2018 17:25

Bisogno di andare armato e pericolosità ambientale

Scritto da

 

Il rinnovo dell’autorizzazione spetta solo in casi particolari?

 

Molte possono essere le circostanze di oggettiva pericolosità ambientale: da queste è possibile, in astratto, ricavare la sussistenza del bisogno di andare con un arma per la difesa personale.

 

Ve ne sono alcune, come quella del farmacista autorizzato al ritiro e alla distruzione di stupefacenti, molto particolari.

 

Smaltire grosse quantità di stupefacenti e farmaci scaduti può essere molto pericoloso e tuttavia, nonostante questo dato incontrovertibile, non è detto che la Prefettura accordi subito il rinnovo dell’autorizzazione al porto di pistola ad uso difesa.

 

Qui abbiamo un caso dove l’Autorità ha detto effettivamente no al rinnovo, ma poi il Tar Bari, con la sentenza n. 895 del 2 agosto 2017 ha detto motivatamente “si”.

 

E’ vero: si tratta di un caso specifico.

E’ altrettanto vero però che la sentenza è talmente ben motivata da essere utile, come punto di riferimento, per una serie indeterminata di altri casi, anche non necessariamente simili a quello esaminato.

 

Andiamo allora al caso concreto.

 

 

Il caso

L’interessato è un farmacista e Dirigente a tempo indeterminato del Servizio farmaceutico territoriale della A.S.L./FG, già titolare di porto di pistola per difesa personale.

Nel novembre 2014 presenta istanza per il rinnovo annuale dell'autorizzazione di polizia.

La motivazione che sostiene la richiesta di rinnovo è identica a quella degli anni precedenti: la concreta esposizione ad una situazione di  pericolosità ambientale alla quale egli, in qualità di Dirigente farmacista del Servizio farmaceutico territoriale è giornalmente sottoposto.

 

Infatti è l’unico responsabile su tutto il territorio di competenza della A.S.L./FG del ritiro di sostanze stupefacenti dalle strutture ospedaliere, da farmacie territoriali e da grossisti di sostanze stupefacenti, per lo stoccaggio delle stesse presso gli uffici dell'A.S.L. e per il trasporto, senza scorta delle Forze dell'Ordine, presso un inceneritore sito in Lecce, a circa 400 chilometri di distanza, per la distruzione della stessa sostanza stupefacente.

Un’incombenza che dovrebbe gravare su ogni A.S.L.

Le Forze di Polizia, nell'ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili dovrebbero assicurare adeguata assistenza alle operazioni di distruzione.

 

 

La questione da risolvere

C’è però un problema di mezzo.

L’interessato spiega che il Ministero della Salute ha sempre richiesto l'ausilio delle forze dell'ordine per le distruzioni di stupefacenti autorizzate nella Provincia di Foggia, comunicando direttamente al Nucleo Carabinieri NAS di competenza territoriale le autorizzazioni concesse ma, ciò nonostante, la Prefettura ha ignorato l'oggettiva pericolosità dell'esposizione ad un alto rischio per il funzionario della A.S.L. che effettua tale servizio, non predisponendo alcun servizio di scorta da parte delle Forze dell'Ordine a sicurezza dell'incolumità del ricorrente.

 

Il farmacista dice che la collaborazione delle forze di polizia è limitata alla sola "distruzione testimoniata" da parte del Nucleo Carabinieri del N.A.S. della territoriale di Lecce, ove ha sede l'inceneritore autorizzato allo smaltimento degli stupefacenti, che assistono alla distruzione.

 

Precisa poi che le sostanze affidate in sua custodia dai diversi detentori autorizzati, sono fisicamente ritirate all'atto dell'affido, per permetterne il discarico dal registro di entrata-uscita degli stupefacenti, trasportate e detenute presso il proprio ufficio, fin quando non viene raggiunto il quantitativo sufficiente a giustificare l'accensione ad hoc del forno inceneritore di circa cento chilogrammi di prodotto.

 

 

Le modalità di trasporto delle sostanze

Il dottore trasporta gli stupefacenti dalla sede A.S.L., ove sono stoccati, alla sede dell'inceneritore per la distruzione: questa è la fase più delicata della procedura, poiché sono movimentati quantitativi di stupefacenti molto elevati, mediamente ritirati da circa una ventina di strutture per ogni procedura di distruzione.

Nella Regione Puglia, inoltre, esisterebbe un solo termovalorizzatore autorizzato alla distruzione degli stupefacenti: la ditta Bi. di Le., che dista circa 400 km di percorso solo in parte autostradale.

 

 

Che cosa potrebbe accadere

La natura dei prodotti e il valore che essi potrebbero assumere, nel caso fossero riciclati sul mercato delle tossicodipendenze di tutti i generi, sono tali da legittimare una rapina ai danni del farmacista e configurano un reale pericolo per la sua incolumità personale.

 

 

Il risvolto pratico

L'attività di trasporto di sostanze stupefacenti, al fine di curarne la distruzione ha carattere di rilievo pubblico, demandata dalla A.S.L. al medico, che non è assistito da scorta.

Pertanto, si tratta di circostanze che integrano il pericolo concreto ed attuale per un bene-interesse del richiedente, quantomeno equivalente all'interesse pubblico, alla sicurezza e alla incolumità della persona.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 980 volte Ultima modifica il Domenica, 25 Febbraio 2018 17:36
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!