MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Mercoledì, 22 Agosto 2018 08:40

Risarcimento danni da incidente di caccia

Scritto da

 

Risarcimento danni da incidente di caccia

Argomento delicato e complesso allo stesso tempo.

Pensiamo a quelle circostanze nelle quali, in occasione dell’esercizio della caccia, si verifichi purtroppo un sinistro.

E’ del tutto evidente che nessuno mai vorrebbe trovarsi in una situazione del genere; i dati in possesso dello studio ci dicono però che questi incidenti accadono e anche con una certa frequenza.

Ad esempio, alcune nostre fonti riportano più di cento di sinistri gravi per la stagione venatoria 2017/18 in Italia (vittime per armi da caccia).

Come avvocato in diverse occasioni mi sono trovato a gestire fascicoli risarcitori di questo tipo, con l’intento di colmare la grave perdita umana mediante una somma congrua da riconoscere ai familiari.

Quali sono in questi casi le regole da conoscere e le procedure da seguire per chiedere ed ottenere il risarcimento dei danni arrecati alla vittima e ai propri familiari?

 

Come funziona il “massimale”

Ebbene, una prima regola da conoscere riguarda il meccanismo del massimale.

In materia di responsabilità civile per i danni provocati a terzi nell’esercizio della caccia, l’art. 12 co. 8 L. 157/92 distingue tra il massimale "per ogni persona danneggiata" e quello, superiore, "per ogni sinistro".

In particolare, per "persona danneggiata" dobbiamo pensare non alla sola vittima diretta dell'incidente ma ogni soggetto che, come gli stretti congiunti, abbia direttamente subito un danno, patrimoniale o non patrimoniale, in conseguenza della morte o dell’invalidità causata al soggetto immediatamente pregiudicato.

Questo significa che i relativi danni non devono necessariamente essere soddisfatti tutti nell'ambito del massimale previsto per ogni singola persona, in quanto il limite del risarcimento è, distintamente per ognuno, quello stabilito per ciascun danneggiato, fermo nel complesso il massimale per singolo sinistro (cd. massimale catastrofale).

 

Come comportarsi se l’assicuratore rimane “inerte”

Secondo aspetto da tenere presente è il meccanismo processuale che, una volta avviato, consente di giungere al risarcimento integrale dei danni riportati dalle vittime (i congiunti) del sinistro.

In sintesi: all’accertamento penale sulla vicenda segue l’accertamento in sede civile per la liquidazione delle somme spettanti.

In generale, nel caso in cui l’assicuratore non provveda con sollecitudine al risarcimento, si può configurare una situazione di inerzia colpevole.

Si tratta di una responsabilità per mala gestio impropria da colpevole ritardo, che trova titolo in un comportamento dell'assicuratore dilatorio a fronte della richiesta di liquidazione avanzata dal danneggiato.

Per esempio, la situazione si verifica quando i ricorrenti dopo l'incidente cercano inutilmente di ottenere dall'assicuratore, la cui responsabilità risulta evidente sin all'inizio, la messa a disposizione di una parte del massimale di polizza.

In questi casi certamente occorre far valere questa particolare situazione in giudizio.

 

Quali regole si applicano?

I principi stabiliti dalla giurisprudenza della Cassazione Civile in tema d'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, ed in particolare la responsabilità dell'assicuratore per mala gestio impropria nei confronti del danneggiato, si applicano anche in materia di assicurazione per la caccia.

Quando era vigente la L. 2 agosto 1967 n. 799 non si prevedeva un'azione diretta dell'assicuratore verso il danneggiato, come per la responsabilità civile da circolazione stradale, e la giurisprudenza aveva affermato che l'assicuratore "può essere chiamato in garanzia soltanto dal cacciatore danneggiante e quindi tenuto a rimborsare quanto costui sia stato condannato a pagare oltre il massimale a seguito di rivalutazione della somma dovuta per risarcimento del danno, solo se si accerti che il ritardo con il quale si è pervenuti alla liquidazione del danno è dipeso dal comportamento dell'assicuratore stesso che, assunta la gestione della causa, abbia poi violato il dovere di diligenza imposto dall'articolo 1176 cc".

Successivamente, invece, con la L. 968/77 art. 8 comma 2 è stata accordata al danneggiato un'azione diretta contro l'assicuratore.

Oggi, la L. 11 febbraio 1992 n. 157 articolo 12, comma 10, prevede che "in caso di sinistro colui che ha subito il danno può procedere ad azione diretta nei confronti della compagnia di assicurazione presso la quale colui che ha causato il danno ha contratto la relativa polizza".

 

In pratica

Disponendo anche in questo caso il danneggiato di azione diretta nei confronti dell'assicuratore, egli è legittimato a far valere il diritto al risarcimento di eventuali ulteriori danni patrimoniali cagionati dalla inesatta esecuzione di detta prestazione, dovuti a ritardo  colposo.

La materia del risarcimento danni da incidente di caccia è complessa e delicata; il consiglio che si può dare a chi si trova a dover gestire una situazione del genere è di affidarsi solo ed esclusivamente ad un legale specializzato e non ad agenzie, onlus, organizzazioni e simili, dal momento che queste poi finiscono sempre per affidare a loro volta l’incarico all’avvocato in quanto da sole non possono operare in sede processuale.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2098 volte Ultima modifica il Mercoledì, 22 Agosto 2018 08:48
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!