MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Martedì, 21 Agosto 2018 14:46

Affidabilità nella detenzione armi: quando si considera "ridotta"?

Scritto da

 

Affidabilità nella detenzione armi: quando si considera “ridotta”?

Quando l’Autorità nutre il ragionevole sospetto (desunto anche da elementi indiziari, non necessariamente di rilevanza penale) che la persona di cui si parla non dà più pieno affidamento.

Ma andiamo a vedere come si applica, in concreto, questo importante parametro di valutazione e, soprattutto, come l’interessato può reagire ad eventuali giudizi sbagliati  sull’affidabilità provenienti dal Ministero dell’Interno e dai propri Organi periferici (Prefettura e Questura).

 

Quando non c’è l’affidamento?

Per considerare eroso l’affidamento, teniamo sempre presente che non è necessario che vi siano stati episodi di abuso effettivo delle armi o di trascuratezza nella loro custodia.

E’ sufficiente il semplice rischio di tale abuso ed hanno una rilevanza anche le manifestazioni di aggressività verso le persone, seppure senza l'impiego di armi.

Per esempio: possiamo pensare alle manifestazioni di scarso equilibrio, scarsa capacità di autocontrollo oppure la vicinanza ad ambienti della criminalità organizzata.

 

Come si valuta l’affidamento in relazione a reati?

Se è vero quanto detto prima in termini di astratta affidabilità, altra cosa da tenere in debito conto è che non sempre ci si trova nelle situazioni meglio note come “ostative”.

Ma di che cosa parliamo?

In pratica, si vuole solo dire che spesso non ricorrono i presupposti per l’applicazione delle ipotesi ostative contemplate nell’art. 11 e nell’art. 43 TULPS, in quanto l’eventuale condanna penale riportata non riguarda, ad esempio, i reati indicati come fattispecie automaticamente ostative al rilascio del porto di armi.

Pensiamo alla frode fiscale, ma gli esempi potrebbero essere molti.

 

Come reagire sulle valutazioni sbagliate dell’autorità?

Quindi, se i reati eventualmente addebitati all'interessato non significano niente in termini di pericolo di abuso delle armi, un diniego di rinnovo del permesso di detenerle per uso caccia risulterebbe carente di adeguata motivazione.

Ecco, questi sono tutti casi dove è bene che l’interessato valuti la presentazione di un ricorso.

Il Prefetto potrebbe, ad esempio, non aver illustrato il percorso logico-giuridico attraverso il quale il progetto illecito (per restare sull’esempio della frode fiscale) viene alla fine assunto come un elemento indiziario della ridotta affidabilità per la detenzione di armi.

 

In pratica

Sopra ci siamo mossi con esempi.

In generale diciamo che tutte le volte in cui la persona interessata si trovi di fronte a valutazioni amministrative laconiche e superficiali (esempio: il signor Mario Rossi non offre sufficienti garanzie di affidabilità di non abusare delle armi detenute), ecco: in tutti quei casi certamente il divieto di detenzione armi è criticabile con il ricorso.

Infine, volendo avere un appiglio giurisprudenziale qualificato, chi si dovesse trovare in questa situazione potrà richiamare -tra le altre- la sentenza del Consiglio di Stato Sezione Terza n. 3092/16.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1590 volte Ultima modifica il Martedì, 21 Agosto 2018 14:53
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios