Sabato, 18 Agosto 2018 14:07

Armi, omessa custodia

Scritto da

 

Armi, omessa custodia

Ripostiglio casalingo con armi all’interno non chiuso a chiave? Non basta per accusare il proprietario di omessa custodia.

Di regola la custodia delle armi e degli esplosivi deve essere assicurata con ogni diligenza nell'interesse della sicurezza pubblica; chi esercita professionalmente attività in materia di armi o di esplosivi o è autorizzato alla raccolta o alla collezione di armi deve adottare e mantenere efficienti difese antifurto secondo le modalità prescritte dall'autorità di pubblica sicurezza.

Ma andiamo a vedere il caso concreto.

 

Il quesito

Come avevo detto in qualche altro post precedente, i quesiti che arrivano sul tavolo dello studio sono tanti e diversi tra loro.

Uno di questi è abbastanza ricorrente però e riguarda la materia della custodia di armi da parte di persone che non esercitano professionalmente attività in materia di armi ed esplosivi.

In pratica: il lettore vuole sapere quand’è che si considera adempiuto l’obbligo di diligenza nella custodia dell’arma (in questo caso si tratta di un fucile doppietta calibro 12 e un fucile artigianale calibro 12) dentro casa.

Cerchiamo allora di dare una risposta alla domanda, seguendo le tracce offerte dalle recenti sentenze della Corte di Cassazione penale.

 

La risposta 

Una premessa: spesso accade che in primo grado il Tribunale  ravvisi il reato di cui alla L. n. 110/75 art. 20 (rubricato "custodia delle armi e degli esplosivi") nella condotta consistita nell'avere collocato armi dentro casa all’interno di una stanza rimasta aperta.

E’ la stessa situazione che ha ultimamente esaminato e risolto la Corte di Cassazione con la sentenza n. 32592 del 16 luglio 2018.

Qui due fucili, regolarmente dichiarati, vengono rinvenuti all'interno di un sacco stivato in un ripostiglio, la cui porta non era stata, però, chiusa a chiave.

In questo modo, secondo il primo giudice, non sarebbero state adottate le necessarie cautele, dal momento che chiunque, accedendo all'abitazione della persona interessata avrebbe potuto entrare nel ripostiglio e impossessarsi delle armi.

La soluzione

La Corte ritiene, tuttavia, che non possa condividersi la qualificazione giuridica del fatto operata alla stregua della menzionata disposizione incriminatrice, a mente della quale "la custodia delle armi (omissis) deve essere assicurata con ogni diligenza nell'interesse della sicurezza pubblica".

In realtà quando non si tratti di soggetti che esercitino professionalmente attività in materia di armi ed esplosivi, tale obbligo di diligenza "deve ritenersi adempiuto alla sola condizione che risultino adottate le cautele che, nelle specifiche situazioni di fatto, possono esigersi da una persona di normale prudenza, secondo il criterio dell'id quod plerumque accidit" cioè: “ciò che accade di solito”.

E nel caso esaminato non c’è dubbio che l'imputato, riponendo le armi all'interno di un locale della propria abitazione, avesse adottato tutte le cautele ragionevolmente esigibili da un soggetto della sua condizione socio-personale, rispondendo a una massima di comune esperienza che la custodia di un'arma all'interno di un luogo di privata dimora, come tale non accessibile da soggetti estranei, valga a impedire la possibilità, per eventuali terze persone, di impadronirsi della stessa.

 

In pratica

La Cassazione penale insegna che l’arma all’interno della propria abitazione si considera riposta in un luogo sicuro.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 5228 volte Ultima modifica il Sabato, 18 Agosto 2018 14:19
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.