Domenica, 30 Settembre 2018 19:14

Incidente di caccia e prevenzione

Scritto da

 

Incidente di caccia e prevenzione

30.09.2018  La cronaca ci segnala un incidente di caccia mortale nei boschi di Apricale, nell’entroterra tra Sanremo e Bordighera: un giovane diciannovenne, Nathan Labolani, è stato colpito all’addome da una fucilata esplosa da un cinghialista ed ha perso la vita. I Carabinieri indagano.  Il cordoglio va alla famiglia del giovane escursionista.

Incidente di caccia e prevenzione: diverse correnti di pensiero

La perdita di una vita umana è certamente un fatto grave che non può e non deve passare inosservato: occorre accertare le responsabilità portando a processo il (o i) responsabili del fatto.

Su questo non si discute.

Discorso diverso è quello della critica a senso unico, demolitiva e non costruttiva sulla ragione stessa della caccia in Italia.

Lo sappiamo: i movimenti anti-caccia sono in fibrillazione e si scagliano pubblicamente contro di essa.

Dicono che per il nostro Paese la caccia è inutile; qualcuno vuole confinarla o eliminarla del tutto, con un’apposita manovra legislativa che modifichi l’attuale impianto.

In politica assistiamo ormai tutti i giorni a proteste di questo tipo da parte di alcune aree: le parole dell’On. Brambilla penso siano note a tutti.

Ma sappiamo tutti che la caccia è soggetta ad una precisa regolamentazione per Legge ed è, per questo, un’attività del tutto lecita.

Illecito appare, invece, il grave sinistro, ragion per cui il responsabile affronterà un processo per l’ipotesi di omicidio colposo e sarà chiamato al risarcimento.

Tornando alle circostanze nelle quali, in occasione dell’esercizio della caccia, si verifica purtroppo un sinistro mortale, c’è sicuramente da restare pietrificati per lo sgomento e il dolore: è evidente che nessuno mai vorrebbe trovarsi in una situazione del genere e chi ci si trova (da responsabile) è in una posizione dolorosa e scomoda.

 

Incidente di caccia e prevenzione: la frequenza dei sinistri

I dati in possesso dello studio ci dicono che questi incidenti accadono e anche con una certa frequenza.

Ad esempio, fonti autorevoli riportano più di cento di sinistri gravi per la stagione venatoria 2017/18 in Italia (vittime per armi da caccia).

Avevo avuto modo di segnalare questi dati già in occasione di una precedente pubblicazione.

 

Incidente di caccia e incremento della prevenzione sui sinistri

Su questo punto non verrà detto mai abbastanza.

Occorre puntare decisamente sulla prevenzione, anticipando l’eventuale conseguenza letale di un sinistro come quello capitato oggi a danno del giovane Nathan: formazione, addestramento, controlli, sono solo alcune delle leve possibili da impiegare per fare realmente prevenzione.

Questo al di là dei facili proclami politico-giornalistici anticaccia che, puntualmente, affiorano in un momento, come quello doloroso che tocca la famiglia di questa giovane vittima, che richiederebbe invece silenzio e rispetto.

Avv. Francesco Pandolfi

Letto 2581 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.