MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Mercoledì, 03 Ottobre 2018 22:21

Rinnovo licenza fucile uso caccia: affidabilità

Scritto da

 

Rinnovo licenza fucile uso caccia: come superare giudizio di pericolosità

L’Ordinanza del Tar Napoli n. 1043/18

In questo post vediamo come il Tar Napoli, con ordinanza n. 1043/18 del 3 agosto 2018, ha sospeso un decreto della Questura con il quale si rigettava l'istanza prodotta dal ricorrente intesa ad ottenere il rinnovo della licenza di porto di fucile uso caccia, oltre al decreto della Prefettura con il quale veniva decretato il divieto detenere armi, munizioni e materiale esplodente, fissando per la trattazione di merito del ricorso l'udienza pubblica del 19 marzo 2019.

L’ordinanza è importante in quanto (in linea con diverse altre sentenze di primo e secondo grado) mostra come l’obbligo di motivazione dell’Autorità, su questi provvedimenti, sia sempre presente, soprattutto quando si tratta di esaminare situazioni dove l’interessato ha avuto vicende giudiziarie passate e favorevolmente risolte o, in definitiva, mal valutate.

 

Indice

Rinnovo licenza fucile uso caccia: contenuto dell’Ordinanza

Rinnovo licenza fucile uso caccia: condotta e affidabilità

Rinnovo licenza fucile uso caccia: vecchie querele

Rinnovo licenza fucile uso caccia: un consiglio

 

Rinnovo licenza fucile uso caccia: contenuto dell’Ordinanza

La decisione è stata presa nella camera di consiglio del 17 luglio 2018.

Il Tar spiega quanto segue.

Ritenuto che sussiste il "fumus boni iuris" in considerazione del rilievo che in questa materia l'Amministrazione, pur esprimendo una valutazione discrezionale circa il requisito della non affidabilità del privato, non può prescindere da una congrua ed adeguata istruttoria della quale dar conto in motivazione.

Tutto ciò per evidenziare le circostanze di fatto che farebbero ritenere il soggetto richiedente pericoloso o comunque capace di abusi, le quali pertanto devono deporre nel senso della valutazione della personalità complessiva del soggetto.

 

Rinnovo licenza fucile uso caccia: condotta e affidabilità

 

Qui il passaggio utile: seguendo il dettato dei giudici, non compromettono l'affidabilità quelle condotte che, per la loro natura, occasionalità, distanza nel tempo o per altri giustificati motivi non appaiono capaci di incidere attualmente sull'affidabilità del soggetto interessato al rilascio del titolo di polizia, per cui è necessario che il provvedimento ostativo all'uso delle armi sia fondato su una valutazione del comportamento complessivo della persona interessata.

 

Rinnovo licenza fucile uso caccia: vecchie querele

 

Prosegue l’Ordinanza 1043: nei provvedimenti della questura e prefettura sono state poste in correlazione denunce/querele relative a fatti risalenti nel tempo, ritenute peraltro in precedenza non ostative, senza alcun preventivo accertamento circa i loro esiti giudiziari, nonché le recenti querele (peraltro successivamente ritirate), seguite da contro querele del ricorrente, senza alcun autonomo accertamento circa la verità dei fatti esposti.

 

Rinnovo licenza fucile uso caccia: un consiglio

Come anticipato nel preambolo l’ordinanza, pur essendo un provvedimento di tipo provvisorio, è ugualmente importante in quanto si allinea con altre sentenze di primo e secondo grado e dimostra come l’obbligo di motivazione dell’Autorità, su questi provvedimenti, sia sempre presente: si tratta in effetti di esaminare situazioni dove la persona che chiede il rinnovo della licenza ha avuto vicende giudiziarie passate (querele subite e querele proposte, vicende favorevolmente risolte) e, inoltre, che attualmente ha una condotta di vita esemplare.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 466 volte Ultima modifica il Mercoledì, 03 Ottobre 2018 22:39
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios