MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Venerdì, 02 Novembre 2018 14:31

Licenza fucile uso caccia: quando sospenderla è sbagliato

Scritto da

 

 

Licenza fucile uso caccia: quando sospenderla è sbagliato

Sei un cacciatore.

Ad un certo punto rimani un po’ spiazzato nel ricevere dal Questore un provvedimento di sospensione della licenza di porto di fucile ad uso caccia, di cui sei titolare.

In sostanza, vieni a sapere che i Carabinieri hanno effettuato una segnalazione annotando che, insieme ad altre persone, ti sei impossessato di un cinghiale appena abbattuto, in assenza di autorizzazione, all’interno di una tenuta adibita a riserva faunistico venatoria dove sono allevati allo stato rado cervi, cinghiali, daini e mufloni.

Pensi di non essere assolutamente responsabile e, per questo, dopo l’accesso agli atti presenti delle brevi osservazioni, confermando la tua estraneità ai fatti.

Niente da fare; arriva il provvedimento di sospensione.

A questo punto decidi di presentare un ricorso amministrativo, non condividendo l’assunto del questore, anzi ritenendolo sommamente ingiusto e soprattutto non vero. 

Il ricorso è fondato

Il Tar, per arrivare alla conclusione che il provvedimento del questore è sbagliato, mette in evidenza che la comunicazione del Comando dei Carabinieri non individua una tua specifica responsabilità nell’atto di esercitare la caccia in una tenuta venatoria, senza essere munito di apposita autorizzazione.

Tra l’altro, non risulta svolta alcuna ulteriore attività istruttoria da parte dell’amministrazione.

 

La legge applicabile

A parte il fatto che l’episodio contestato viene archiviato dal giudice penale, va detto che questo riguarda strettamente il campo della caccia e non tocca alcuna ipotesi di abuso dell’autorizzazione di polizia in questione.

Questo è il primo dato rilevante.

Il secondo aspetto, non meno importante, riguarda la normativa effettivamente applicabile al tuo caso.

Qui, dice il Tar Lazio (sentenza n. 9389/17 del 22.08.2017, non appellata) la norma applicabile è la legge n. 157/92 e non quella contenuta nel R.D. n. 773/31, applicata invece per sbaglio dall’amministrazione.

All’art. 32, in combinato disposto con l’art. 30, vengono individuati infatti i casi di sospensione e revoca della licenza.

Questi casi sono tutti riconducibili a condanne penali che, nel tuo caso, non sussistono.

Inoltre, in generale, nei confronti di chi esercita senza autorizzazione la caccia all’interno delle aziende faunistico-venatorie, che è quanto contestato nel provvedimento, l’art. 31 della medesima legge n. 157/1992 prevede solo una sanzione amministrativa pecuniaria.

 

In pratica

Il Tribunale conclude con l’accoglimento del ricorso e con il conseguente annullamento del provvedimento impugnato.

Ministero e Questura scelgono di non presentare l’appello.

Dopo aver ricevuto un decreto di questo tipo, avresti sicuramente voluto risolvere la questione in modo rapido e magari fuori dalle aule di giustizia.

Questo è comprensibile.

Tuttavia, ti sei reso conto che pur di fronte ad un provvedimento amministrativo criticabile, le memorie difensive non ti sono bastate ed hai deciso per il ricorso.

Memorie, va detto, complete ed esaustive, nelle quali hai sostenuto di non esserti mai inoltrato nella suddetta tenuta e di non essere stato fermato al suo interno ed, anzi, di non esserti proprio recato a caccia: di essere, perciò, estraneo ai fatti.

L’amministrazione avrebbe dovuto prestare ascolto ed attenzione alle tue parole: tanto avrebbe evitato una causa.

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 902 volte Ultima modifica il Venerdì, 02 Novembre 2018 14:39
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios