Venerdì, 02 Luglio 2021 12:51

Portare un’arma a scopi difensivi

Scritto da
 

 

Respingimento della domanda di rinnovo della licenza per il porto della pistola per difesa personale. Argomenti difensivi da inserire nel ricorso al Tar.

 

 

Sei titolare da decenni della licenza di porto di pistola per difesa personale, sempre rinnovata con dichiarazioni e documentazione integrative; hai sempre spiegato all’Autorità le circostanze che, a tuo parere, comportavano un rischio per la tua incolumità e quindi la necessità di portare con te un'arma a scopi difensivi.

 

Nell’ultima istanza hai esposto di essere contitolare di una storica ditta e di trovarti spesso a dover trasportare, soprattutto a tarda notte materiali ed attrezzature di notevole valore, oltre che i proventi dell'attività lavorativa.

 

Inoltre hai messo in evidenza di essere presidente e tesoriere di un fondo di beneficienza, avente tra gli scopi statutari quello di fornire assistenza materiale nei confronti di soggetti bisognosi mediante elargizioni di denaro a fondo perduto e altre iniziative di sostegno economico e materiale.

 

Incarico questo che comporta il trasporto e la consegna di contributi, per lo più sotto forma di denaro contante, agli assistiti, anche in luoghi malsicuri.

 

Nonostante tutte queste spiegazioni, il Prefetto ha respinto la domanda evidenziando la carenza di elementi dai quali ricavare il rischio oggettivo per la tua incolumità: in pratica il Ministero non ha visto la tua dichiarata esigenza di circolare armato.

 

A questo punto decidi di presentare il ricorso al Tar per chiedere l’annullamento del decreto di rigetto del Prefetto.

 

Ti chiedi: quali sono gli argomenti difensivi da utilizzare nel ricorso?

 

Ebbene, intanto puoi far valere eventuali disparità di trattamento rispetto a terzi che, nelle medesime condizioni, hanno invece avuto il rinnovo.

 

Poi, ovviamente, fai leva sulla prova del tuo dimostrato bisogno dell’arma, ossia sul fatto che l’esigenza di difesa personale è attuale e dimostrata con quanto da te allegato.

 

Spiega nel ricorso che hai fondato la tua richiesta sui rischi specifici che corri a causa del trasporto di attrezzature di lavoro e dei proventi della tua azienda, potendoti pure trovare nottetempo a fronteggiare soggetti che pretendano di ottenere con la forza i tuoi servizi in aree non proprio tranquille.

 

Insisti sulle dichiarazioni bancarie che dimostrano i ripetuti tuoi versamenti in denaro [1].

 

Insisti sulla movimentazione di contante legata alle dazioni ai bisognosi.

 

Tutti questi elementi potranno aiutarti a gestire la causa e ad ottenere l’annullamento del diniego.

[1] Tar Firenze Sez. 2, sentenza n. 475 del 06.04.2021.

 

 

Chiedi consulenza

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2231 volte Ultima modifica il Venerdì, 02 Luglio 2021 12:54
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.