MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 14 Aprile 2018 08:37

Assegnazione temporanea militari: ancora un "SI" del Consiglio di Stato

Scritto da

 

 

 

Assegnazione temporanea militari  42 bis d. lgs. 151/01

 

Il CdS ci da ragione ancora una volta e respinge l’appello del Ministero delle Finanze

 

E’ importante sapere che solo in pochi casi l’amministrazione può negare il trasferimento, mentre nella maggior parte delle situazioni che vengono prospettate dal dipendente deve accordarlo, ovviamente nel rispetto della normativa di settore.

Stiamo parlando di quel particolare trasferimento temporaneo che permette al padre e alla madre di prendersi cura del figlio minore in tenera età, standogli più vicino.

Si tratta di una norma importante, che protegge istituti come la famiglia e la filiazione.

In sintesi il Consiglio di Stato, a proposito dell’art. 42 bis TU 151/2001, il 13.04.2018 ci ha confermato che il diniego del trasferimento temporaneo è consentito all’amministrazione soltanto in casi eccezionali.

La giurisprudenza cautelare, possiamo dire ormai consolidata, stabilisce infatti che la norma impone all’Amministrazione l’onere di supportare l’eventuale diniego con riferimenti specifici e circostanziati alla professionalità del militare istante e alla conseguente sua insostituibilità nel reparto da cui proviene.

Questo equivale a dire, come anticipato nel preambolo, che solo in pochi casi l’amministrazione può negare il trasferimento, mentre deve accordarlo per la maggior parte delle situazioni che vengono prospettate dal dipendente, ovviamente nel rispetto della normativa di settore.

Nel caso specifico esaminato nella sede di appello e deciso il 13.04.2018, l’Amministrazione si è limitata a richiamare la difficile situazione in cui versano gli organici di un comando provinciale, senza però dire niente sulla reale insostituibilità del militare appellato nell’esercizio delle mansioni di servizio.

 

 

Anche il Tar, prima del CdS, ci aveva già dato ragione

Circa tre mesi prima il Tar aveva confermato la bontà della nostra tesi in favore del militare ricorrente.

Il Tribunale aveva infatti stabilito, in sede di sospensiva, che ai sensi dell’art. 42 bis del D.lgs. n. 151/2001, come modificato dall’art. 14, comma 7, della legge n. 124/2015, il diniego all’istanza di assegnazione temporanea ad altra sede per l’assistenza ai figli minori “deve essere motivato e limitato a casi o esigenze eccezionali”.

Aveva rilevato che nel caso trattato il provvedimento impugnato era generico, non contestualizzato e non motivato con esigenze eccezionali, facendo riferimento agli ordinari compiti di istituto e al contesto territoriale in cui era inquadrato l’interessato, tutti elementi non qualificabili come esigenze eccezionali, rientrando piuttosto nelle ordinarie esigenze di servizio.

 

 

 

Cosa dice la norma

L'art. 42 bis del D. Lgs. 151/2001 dispone che "Il genitore con figli minori fino a tre anni di età dipendente di amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, può essere assegnato, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L'eventuale dissenso deve essere motivato (e limitato a casi o esigenze eccezionali - inciso aggiunto dall'art. 14, comma VII, della L. 124/2015). L'assenso o il dissenso devono essere comunicati all'interessato entro trenta giorni dalla domanda".

 

 

Ormai le sentenze favorevoli si accumulano

Parecchie sentenze stabiliscono il principio sopra richiamato.

E’ opportuno familiarizzare con questa giurisprudenza, dal momento che consente a molti dipendenti di reagire ad un eventuale diniego sull’assegnazione temporanea affrontando un ricorso con elevate probabilità di accoglimento.

Per dare un’utilità concreta a tutti i lettori, tra le tante pronunce, ricordiamo:

Consiglio di Stato, Sezione 3 Sentenza 1 aprile 2016, n. 1317;

Consiglio di Stato, Sezione 4 Sentenza 14 ottobre 2016, n. 4257;

Tribunale Amministrativo Regionale Milano, Sezione 3 Sentenza 25 maggio 2017, n. 1171;

Tribunale Amministrativo Regionale Firenze, Sezione 1 Sentenza 24 ottobre 2017, n. 1279.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 986 volte Ultima modifica il Sabato, 14 Aprile 2018 09:05
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

Our website is protected by OHSecurity!