Venerdì, 05 Luglio 2019 13:25

Acquisto all’asta di un immobile abusivo

Scritto da

 

La procedura espropriativa non sana gli eventuali illeciti edilizi realizzati prima.

 

Acquistare immobili alle aste giudiziarie, lo sappiamo bene, può essere molto spesso un affare.

Occorre però prestare attenzione alla circostanza nella quale si va ad acquistare un bene con abusi edilizi: è questo un caso dove non si verifica il cosiddetto effetto purgativo dell’asta derivante dalla natura di acquisto a titolo originario del bene, effetto che riguarda più propriamente i diritti, i pesi e le limitazioni legali gravanti sul bene, e non lo stato di fatto materiale e antigiuridico in cui si trova il bene.

 

 

Indice

Che cos’è l’abuso edilizio

Si può applicare il principio dell’affidamento incolpevole?

Come comportarsi

Che cos’è il potere repressivo degli abusi edilizi

Sostituzione della sanzione demolitoria con quella pecuniaria

 

 

Che cos’è l’abuso edilizio

Si tratta di un illecito che consiste nel realizzare un intervento edilizio senza permesso di costruire, o senza dichiarazione di inizio attività.

Secondo la definizione più comune data da Wikipedia, questo illecito si verifica quando si realizza un'opera edilizia, che può essere sia una costruzione su suolo non edificabile, ma senza approvazione, o un ampliamento del volume o della superficie, o qualsiasi modifica alla sagoma di un edificio preesistente, in assenza di completa autorizzazione amministrativa.

La fattispecie integra un reato.

 

 

Si può applicare il principio dell’affidamento incolpevole?

Il proprietario del bene aggiudicato, trovandosi in questa scomoda situazione, potrà presentare un ricorso amministrativo avverso l’eventuale ordinanza di demolizione del manufatto abusivo, cercando di far valere il cosiddetto affidamento incolpevole, dimostrato dal fatto che l’immobile è stato acquistato mediante asta giudiziaria e che gli abusi risalgono a svariati anni prima.

Tuttavia, è bene tener presente che di fronte ad una domanda congegnata in questo modo il giudice potrebbe anche negare l’accoglimento: proprio come si è verificato in occasione di una causa amministrativa svolta davanti il Tar di Catanzaro (sentenza n. 1305/19 del 25.06.2019 e pubblicata il 26.06.2019).

 

 

Come comportarsi

Il punto di partenza è questo.

Nel nostro ordinamento non c’è un dato normativo per cui la vendita all’asta nell’ambito di una procedura espropriativa comporta l’effetto sanante degli eventuali illeciti edilizi realizzati.

Abbiamo già detto dell’effetto purgativo e della sua concreta applicabilità.

L’unico aspetto preso in considerazione dalla Legge, per l’ipotesi che il bene acquistato sia affetto da illeciti edilizi, riguarda la scansione dei tempi per attivare la procedura di sanabilità delle opere.

Ai sensi dell’art. 40 ultimo comma della legge n. 47 del 1985, infatti, “nell’ipotesi in cui l’immobile rientri nelle previsioni di sanabilità di cui al capo IV della presente legge e sia oggetto di trasferimento derivante da procedure esecutive, la domanda di sanatoria può essere presentata entro centoventi giorni dall’atto di trasferimento dell’immobile, purché le ragioni di credito per cui si interviene o procede siano di data anteriore all’entrata in vigore della presente legge”.

 

 

Che cos’è il potere repressivo degli abusi edilizi

L’esercizio del potere repressivo degli abusi edilizi è un’attività amministrativa doverosa; i relativi provvedimenti sono né più né meno che atti vincolati e, dunque, non richiedono alcun’altra motivazione circa le ragioni che impongono la rimozione dell’abuso, neanche nell’ipotesi in cui l’ingiunzione di demolizione intervenga a distanza di tempo dalla realizzazione dell’abuso.

 

 

Sostituzione della sanzione demolitoria con quella pecuniaria

La possibilità di sostituire la sanzione demolitoria con quella pecuniaria dev’essere valutata nella fase esecutiva del procedimento, successiva ed autonoma rispetto all’ordine di demolizione.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Letto 708 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.