Sabato, 21 Settembre 2019 17:48

La mediazione familiare

Scritto da

 

 

La Legge italiana definisce il mediatore familiare un “esperto” che si adopera per favorire la soluzione dei conflitti coniugali; lo fa preoccupandosi soprattutto dei figli, specie se minori.

Se volessimo dirla con una battuta: il mediatore familiare cerca di far fare la pace alle coppie (con figli) che litigano e non riescono ad accordarsi da sole.

Ma vediamo, un po’ più nel dettaglio, in che cosa consiste il lavoro svolto da questo professionista e qual è l’utilità pratica che può portare alle persone.

 

 

Indice

Cosa dice la Legge?

Cosa si può chiedere al mediatore familiare?

Che cos’è la mediazione familiare?

Chi è il mediatore familiare?

Come chiedere assistenza?

 

 

Cosa dice la Legge?

Partiamo dalle regole.

La norma di riferimento è l’art. 155 sexies secondo comma del codice civile, introdotto dalla L. n. 54 dell’08.02.2006 con decorrenza 16.03.2006, preceduta da altre disposizioni che mirano a regolamentare questa delicata materia.

Dalla Legge emerge la figura dell’esperto in mediazione familiare.

 

 

Cosa si può chiedere al mediatore familiare?

I coniugi possono rivolgersi a questa figura professionale, appunto il mediatore, per raggiungere un accordo che evidentemente da soli non riescono a mettere in pratica.

L’intento è cercare di sanare un loro conflitto, specialmente nell’interesse dei figli minori.

La norma di Legge che ho segnalato prima ci dice anche che lo stesso giudice, se lo ritiene opportuno, può affidare la coppia ad un esperto che si adoperi per tentare la mediazione nell’interesse della prole.

 

 

Che cos’è la mediazione familiare?

In sostanza la mediazione è un intervento professionale rivolto alle coppie, finalizzato a riorganizzare le relazioni familiari in presenza di una volontà di separazione e/o di divorzio.

Lo scopo primario di questo intervento è la salvaguardia della responsabilità genitoriale individuale nei confronti dei figli.

 

 

Chi è il mediatore familiare?

Il mediatore è un terzo imparziale rispetto alla coppia, che ha l'obiettivo di sostenerla durante la fase della separazione e del divorzio.

Una breve osservazione sul piano pratico, a questo punto, mi sembra doverosa.

Io credo che non tutti i professionisti (tra avvocati, psicologici, sociologi) possono svolgere questa particolare e delicata attività professionale: cioè ritengo che, molto probabilmente, bisogna essere dotati di una vocazione specifica per mettersi in gioco e trarre un’intima soddisfazione nel toccare con mano il risultato finale dopo i vari incontri (che possono essere anche molto impegnativi sul piano psicologico-relazionale, proprio perché in atto c’è un conflitto tra due persone).

Questo non tanto per il fatto che la mediazione familiare è una disciplina trasversale che utilizza conoscenze proprie della sociologia, psicologia e giurisprudenza per la negoziazione del conflitto, quanto piuttosto per il fatto che se il mediatore non ha una naturale predisposizione all’ascolto profondo dell’altro e all’individuazione di ogni più piccolo imput che proviene dai dialoghi della coppia e che può essere percepito come utile a sanare la crisi, la soluzione e l’accordo finale non si trovano.

E’ vero: il mediatore resta pur sempre una figura terza tra le parti, ma è altrettanto vero che partecipa empaticamente alla soluzione della crisi di coppia, potendo provare lo stesso dolore e la stessa gioia che provano gli “assistiti” (cioè i protagonisti veri e propri della vicenda) nella rievocazione del loro vissuto e nel tentativo di giungere ad una soluzione bonaria.

 

 

Come chiedere assistenza?

Abbiamo quindi visto, sia pur abbastanza in sintesi, quali sono le utilità che l’intervento del mediatore familiare può concretamente portare all’interno della coppia in crisi.

Avviare un percorso di mediazione con me è molto semplice.

Scrivimi a questo indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Oppure, se preferisci, contattami direttamente al 328 60 90 590.

 

 

Altre informazioni?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 279 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.