Sabato, 27 Luglio 2019 12:25

Responsabilità civile della Pubblica Amministrazione

Scritto da

 

Olio su strada, danni da caduta.

E’ vero che il Comune, proprietario di una strada, risponde della caduta di un utente viario che non abbia visto una macchia di olio sul sedime, perché questa era nascosta magari da una curva, o perché il colore della macchia era quasi uguale a quello dell’asfalto?

 

 

Nella maggior parte dei casi la risposta è sì: l’ente proprietario del tratto stradale dove si verifica questa caduta, che provoca lesioni fisiche a danno del malcapitato, risponde a titolo di responsabilità civile ai sensi dell’art. 2051 del codice civile.

In generale, le sentenze sull’argomento ci dicono che l’obbligo di custodia che incombe sul Comune si concretizza principalmente su due fronti: quello preventivo e quello riparatorio.

 

 

Indice

La prevenzione

La riparazione

L’esclusione di responsabilità

Il risarcimento del danno

 

 

La prevenzione

Sul fronte della prevenzione, possiamo affermare che il Comune deve mettere in atto tutte quelle misure atte ad impedire -a monte- il verificarsi di un sinistro, per esempio a causa di una macchia d’olio insidiosa in quanto scarsamente visibile.

 

 

La riparazione

Mentre, sul versante della riparazione, l’Ente proprietario e manutentore deve realizzare ogni utile intervento riparatore per neutralizzare, in un tempo ragionevole, tutti gli elementi pericolosi e non prevedibili che si siano verificati.

 

 

L’esclusione di responsabilità

In quest’ottica, ultimamente la Cassazione ha avuto modo di chiarire [1] che l’Ente rimane liberato dalla responsabilità solo se è in grado di dimostrare che l’evento è stato determinato da cause estrinseche ed estemporanee, create da terzi, cioè da altri. Deve trattarsi di cause non conoscibili nè eliminabili nell’immediatezza, neppure con la più accorta e rapida attività di manutenzione.

 

 

Il risarcimento del danno

In tutti i casi nei quali l’utente della strada, cadendo sulla non visibile macchia d’olio, riporti lesioni e a causa di queste sia costretto all’immobilità per un certo tempo o, peggio, a subire un intervento chirurgico, potrà agire nei confronti dell’Ente proprietario e manutentore per l’accertamento del fatto e per la domanda di risarcimento dei danni subiti.

La casistica è molto ampia; frequente è il caso del motociclista che cade scivolando su una macchia d’olio non visibile, riportando lesioni corporali.

Un consiglio: prima di avviare la causa per il risarcimento del danno è bene preoccuparsi di organizzare la prova dell’evento e del nesso causale tra il fatto e l’evento dannoso.

Quindi: munirsi del rapporto delle Autorità intervenute sul luogo dell’evento, dichiarazioni testimoniali, certificazione medica completa comprovante il decorso delle lesioni, perizia medico legale, preventivo o fattura di riparazione del danno materiale.

 

 

[1] Cass. Sesta Sez. Civ. 3, Ordinanza n. 19612 dep. 19.07.2019.

 

 

Altre informazioni?

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 402 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.