Domenica, 11 Febbraio 2024 10:52

Porto d’armi per difesa personale: le condizioni In evidenza

Scritto da
 

In materia di autorizzazioni amministrative per il rilascio di porto d'armi, le sentenze giurisdizionali forniscono indicazioni sui requisiti necessari per ottenere tale autorizzazione. In particolare, il Consiglio di Stato svolge un ruolo significativo in questo contesto.

 

 

 

 

In modo più chiaro e conciso:

 

Autorizzazioni di Polizia
Il rilascio di licenze per il porto d'armi, sia per difesa personale che per uso sportivo, rientra nell'ambito delle autorizzazioni di polizia. La competenza di rilasciare tali autorizzazioni è caratterizzata dalla discrezionalità dell'Autorità competente. La legislazione mira a preservare l'ordine e la sicurezza pubblica nazionale regolamentando il rilascio delle licenze di porto d'armi.

 

 

Eccezione al Divieto di Portare Armi
Il potere di concedere licenze per il porto d'armi costituisce un'eccezione al divieto stabilito dall'art. 699 del codice penale e dall'art. 4, primo comma, della legge n. 110 del 1975. Il porto d'armi non è un diritto assoluto, ma un'eccezione al divieto generale di portare armi. Oltre ai requisiti soggettivi degli artt. 11, 39, 40, 42 e 43 del testo unico n. 773 del 1931, si considerano le norme che conferiscono ampi poteri discrezionali per la gestione dell'ordine pubblico (artt. 40 e 42 T.U.L.P.S.) e i principi generali del diritto pubblico per il rilascio di provvedimenti discrezionali.

 

 

Il Dimostrato Bisogno
Ai sensi dell'art. 42 T.U.L.P.S., il presupposto per ottenere la licenza di porto d'armi per difesa personale è il dimostrato bisogno dell'arma. Secondo la giurisprudenza consolidata:

Il bisogno non può derivare solo dalla tipologia di attività o professione del richiedente, ma deve basarsi su circostanze specifiche e attuali, valutate come valide e necessarie dal Prefetto.

La mera appartenenza a una categoria professionale o lo svolgimento di un'attività economica non costituiscono prova sufficiente, così come la pluralità degli interessi patrimoniali o la necessità di movimentare somme di denaro.

In sintesi, la qualità imprenditoriale o il possesso di beni materiali di per sé non soddisfano il requisito oggettivo richiesto dall'art. 42 T.U.L.P.S.

 

 

 

Come chiedere assistenza allo studio legale?

Per avere assistenza legale o chiedere un parere per valutare la presentazione di un ricorso o un’istanza, basta utilizzare il portale MiaConsulenza.it, oppure inviare il quesito utilizzando la mail dello studio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ovviamente è sempre possibile contattare direttamente studio Pandolfi & Mariani all’utenza mobile/fissa: 3286090590 o 0773487345

Letto 438 volte Ultima modifica il Domenica, 11 Febbraio 2024 11:16
Francesco Pandolfi e Alessandro Mariani

Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

 

Francesco Pandolfi AVVOCATO

Lo studio Pandolfi Mariani è stato fondato dall’avvocato Francesco Pandolfi.

Egli inizia la sua attività nel 1995; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Si è occupato prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni.

E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili".

La sua Missione era e continua ad essere con lo studio da lui fondato: "aiutare a risolvere problemi giuridici".

Riteneva che il più grande capitale fosse la risorsa umana e che il più grande investimento, la conoscenza. Ha avuto l'opportunità di servire persone in tutta Italia.

I tratti caratteristici della sua azione erano: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.

Tutto questo resta, lo studio da lui fondato continua l’attività con gli avvocati e i collaboratori con i quali ha sempre lavorato nel corso degli anni e ai quali ha trasmesso tutte le sue competenze.

 

 

Alessandro Mariani Avvocato

data di nascita: 08/04/1972

 

Principali mansioni e responsabilità: 
Avvocato
Consulenza legale e redazione atti giudiziari per il recupero del credito (Decreto Ingiuntivo e Costituzione nelle opposizioni);
Attività giudiziale e stragiudiziale con apertura di partita iva ed iscrizione alla casa forense;
Iscrizione nell’Albo degli Avvocati stabiliti di Latina dal 26/4/2012.

 

 

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3292767858

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.