MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Sabato, 26 Agosto 2017 07:59

Canna fumaria: è pericolosa per il vicino?

Scritto da

 

Che cos'è

La canna fumaria è un elemento costruttivo che serve al convogliamento dei fumi di combustione, dall'interno della camera di combustione verso l'esterno. Tradizionalmente è realizzata in mattoni o pietra legati con malta (fonte: Wikipedia).

La norme tecniche la suddividono in tre parti:

  • canale da fumo,
  • camino (la parte verticale),
  • comignolo (la parte terminale della canna fumaria).

 

 

Come funziona

La canna fumaria, per funzionare bene, richiede un dimensionamento.

Così lo spiegherebbero progettisti e installatori; in pratica per funzionare a dovere la canna fumaria deve avere per forza avere alcuni accorgimenti, utili ad ottimizzare i 4 parametri indicati appresso:

  1. temperatura dei fumi (per le caldaie di adesso abbastanza bassa),
  2. altezza della canna fumaria, che aiuta nel tiraggio del camino,
  3. isolamento termico del camino, direttamente collegato alla temperatura dei fumi che, come detto sopra, deve essere mantenuta su determinati valori e non scendere troppo,
  4. resistenze localizzate: vanno ridotte le curve o i cambi di direzione.

 

 

Cosa dice la Cassazione sulla canna fumaria

La Suprema Corte pensa che, in linea di massima, la canna fumaria sia di per se pericolosa (Cass. sentenza n. 20357 del 24.08.2017).

Nelle pieghe di questa interessante pronuncia si leggono due principi di fondo: da una parte quello che sottolinea la valenza del regolamento per stabilire le distanze tra costruzioni, dall'altra quello che fa prevalere la tutela della salute sulle regole urbanistiche.

Il dossier arriva al tavolo della Cassazione dopo anni passati attraverso i due primi gradi della causa, dove i giudici danno ragione alle proprietarie dell'immobile a confine "danneggiato" dall'installazione della canna fumaria (danno arrecato ad opera del dirimpettaio in violazione delle distanze minime -3 metri).  Il proprietario della canna fumaria non ci sta e porta il fascicolo appunto davanti la Corte.

E qui abbiamo un ragionamento interessante.

Per un primo aspetto della vicenda la proprietaria della canna fumaria pare che abbia ragione: nel caso specifico va applicata la normativa urbanistica più recente, favorevole alla proprietaria stessa e tale da impedire la demolizione.

Un altro aspetto del ragionamento riguarda la qualità dell'aria: in effetti, ammonisce la Corte, in questa materia vige la presunzione di pericolosità e nocività che prescinde da un accertamento concreto se c'è un regolamento comunale che segna la distanza minima e questa prescrizione non venga rispettata.

 

 

In pratica

Se manca il regolamento quella presunzione diventa relativa: tradotto questo significa che il proprietario deve dimostrare che, tramite specifici accorgimenti tecnici, il pericolo per il vicino può essere evitato.

Nel caso commentato la Corte di Appello viene chiamata a rivedere la sentenza sul punto, tenendo conto di questi principi.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2316 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:47
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios