Giovedì, 31 Agosto 2017 10:13

Avvocato oggi? Completamente diverso da ieri

Scritto da

Avvocati: perché dal 29 agosto non sono più quelli di prima?  

 

La situazione adesso

Non sono più quelli di prima perché siamo di fronte a novità dirompenti, epocali.

Solo qualche trafiletto tanto per renderci conto di come sono diverse le cose oggi (per l'avvocato e per il suo cliente) rispetto solo a qualche settimana fa.

E’ entrata in vigore la legge n. 124/2017 meglio nota come Legge sulla Concorrenza e sul Mercato; si tratta di una forte innovazione che incide su vari settori, tra questi quello degli avvocati.

La Legge si apre così:

“La presente legge reca disposizioni finalizzate a rimuovere ostacoli regolatori all'apertura dei mercati, a promuovere lo sviluppo della concorrenza e a garantire la tutela dei consumatori, anche in applicazione dei principi del diritto dell'Unione europea in materia di libera circolazione, concorrenza e apertura dei mercati, nonche' delle politiche europee in materia di concorrenza”.

L'esercizio della professione forense in forma societaria e' consentito a societa' di persone, a societa' di capitali o a societa' cooperative iscritte in un'apposita sezione speciale dell'albo tenuto dall'ordine territoriale nella cui circoscrizione ha sede la stessa societa'; presso tale sezione speciale e' resa disponibile la documentazione analitica, per l'anno di riferimento, relativa alla compagine sociale. E' vietata la partecipazione societaria tramite societa' fiduciarie, trust o per interposta persona. La violazione di tale previsione comporta di diritto l'esclusione del socio.

Seguono poi altri commi che volutamente tralasciamo, tanto il senso del discorso è chiaro.

 

 

Finalmente concorrenza e chiarezza

Il trafiletto iniziale è solo per dire che, allo stato attuale, abbiamo alzato di molto l'asticella.

Ora i rapporti tra professionista e cliente sono molto più chiari e trasparenti: chi chiede la prestazione legale sa che in prima battura riceverà un preventivo dettagliato, dove sono spiegate punto per punto tutte le voci della prestazione richiesta (la previsione dei costi); i professionisti del settore legale oggi hanno strumenti molto più potenti per competere nel settore a livello globale, come le società (pur con i limiti sopra indicati).

In pratica, è finita un'era e ne è iniziata un'altra.

Oggi come oggi probabilmente non ha più senso svolgere la professione dell'avvocato (con tutte le difficoltà che comporta nel sistema Italia) a livello individuale o semi-individuale, ma diventa produttiva ed efficiente la creazione di reti tra professionisti (anche professionisti di diversa estrazione), di società, dove hanno una loro parte i soci di capitale, e così via. 

Quando ero praticante, più di venti anni fa (e poi giovane avvocato) era letteralmente un altro mondo, fatto di carta e penna, di udienze interminabili, di clientela territoriale, di lavoro durissimo svolto senza essere pagato.

Oggi, a fronte di enormi difficoltà per un giovane avvocato che deve ritagliarsi la sua posizione all'interno di un mercato iper affollato ed iper competitivo, esistono però molti strumenti in più che possono essere utilizzati volendo affrontare in modo corretto ed efficiente la sfida del nostro tempo. 

Soprattutto per essere utili a chi ci chiede assistenza.

 

 

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2169 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:35
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.