Martedì, 19 Settembre 2017 08:44

Custodia armi e omessa denuncia: un flash sul pensiero della Cassazione di settembre

Scritto da

 

Pensiero chiaro ed esplicito

Se volessimo tradurre in estrema sintesi il pensiero della Suprema Corte espresso questo mese sull'argomento, potremmo tranquillamente utilizzare parole come "precauzione", "accortezza", "prudenza", "tempestività", "sicurezza pubblica", "controllo"; un corredo che deve appartenere a chi fa uso lecito e corretto di armi.

Una sentenza utile per focalizzare i criteri chiave sul tema trattato: svantaggiosa per l'imputato, ma utile per chi la legge perché se ne traggono coordinate e punti di riferimento.

La Corte di Cassazione penale si pronuncia infatti ancora una volta in tema di custodia di armi ed omessa denuncia di trasferimento delle stesse (sentenza n. 40900 del 7 settembre 2017).

I concetti sono chiari ed espliciti, riportati senza mezzi termini. 

 

La vicenda

Un accenno al fatto.

In pratica: i Carabinieri procedono ad un controllo delle armi denunziate presso quella che risulta essere la residenza dell'imputato, qui scoprono che si è trasferito sin dal 2009 senza aver comunicato lo spostamento delle armi. 

Gli operanti si recano nella sua abitazione e trovano che le armi (tre carabine, tre fucili ed una pistola) sono nell'appartamento, per lo piu' poste tra un armadio ed il muro: soltanto una pistola è riposta in una scatola in un armadio, mentre un ulteriore fucile si trova in garage, poggiato ad un armadio senza alcuna precauzione.

 

La sostanza del discorso

Il Giudice di primo grado conclude in questo senso:

 

 

non è sufficiente tenere le armi nell'appartamento, ma occorre anche adottare diligentemente precauzioni per evitare che siano a portata di persone diverse dal proprietario;

inoltre, l'omissione della denunzia di spostamento delle armi è incontestabile, poiche' il cambio di residenza è avvenuto quattro anni prima e, trattandosi di reato permanente, non è neppure decorso il termine prescrizionale.

 

 

Andando avanti, il giudice non accoglie la richiesta di "non punibilita' per la particolare tenuita' del fatto", poiche' si tratta di reati concernenti le armi che colpiscono due interessi rilevanti e cioe' quello di consentire all'Autorita' di P.S. di sapere dove si trovano le armi e quello di tutelare la sicurezza pubblica. 

 

 

Il ricorso dell'imputato

Si scontra con alcuni problemi, che non sfuggono alla Corte.

Viene esclusa la non punibilita' della condotta con riferimento alla logica delle norme violate, alla necessita' di conoscere dove siano custodite le armi denunziate ed al fatto che per circa quattro anni il ricorrente tiene nascosto lo spostamento delle armi stesse.

Avvertono i Giudici: le "cautele" richieste dalla norma violata andavano commisurate alla diligenza dell'uomo medio e dovevano essere proporzionate al pericolo che la norma intende scongiurare, quale si presenta nel caso concreto; condotta purtroppo non tenuta nel caso di specie, per quanto si è potuto appurare (più armi conservate senza alcuna cautela, semplicemente riposte tra una parete ed un armadio o collocate in un cassetto privo di chiusura o tenute in un garage senza nessuna misura preventiva).

I Magistrati non valorizzano neppure la tesi che le armi, poiche' prive di munizioni, non sarebbero state idonee all'uso.

 

 

Conclusioni

In questa materia far tesoro dell'insegnamento della Corte di Cassazione, semplicemente:

  • ricordando che l'Autorita' di P.S. deve sapere dove si trovano le armi e
  • non trascurando le norme poste a presidio della sicurezza pubblica.

 

 

 

Altre informazioni?

Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 6755 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:12
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.