Lunedì, 02 Ottobre 2017 07:27

Pistola per difesa personale: "SI" al rinnovo dell'autorizzazione se mancano elementi sfavorevoli

Scritto da

 

 

Partiamo dalla sentenza

Spunti molto interessanti arrivano dal Tar di Bari, sezione 2 (sentenza n. 956 del 12 settembre 2017) in tema di rinnovo dell’autorizzazione al porto di pistola per difesa personale.

Interessanti (e favorevoli per il ricorrente, in questo caso un medico) in quanto mettono in correlazione da una parte l’autorizzazione al porto con la pericolosità del territorio (foggiano), dall’altra il rischio specifico che corre il professionista.

  • Il caso commentato ci riporta la vicenda di un medico, ma è evidente che le considerazioni tratte dall’analisi della sentenza, data la sua importanza, valgono per una più vasta generalità di casi.

Tornando un attimo indietro sulla 956/17, il ricorso per chiedere l'annullamento del decreto  con cui il Prefetto di Foggia ha negato, per la seconda volta, il rinnovo dell'autorizzazione al porto di pistola, viene quindi accolto. Possiamo tranquillamente dire con motivazione sintetica, ma ineccepibile.

 

I motivi del diniego

Il Tar demolisce le motivazioni del diniego della Prefettura, incentrate per un verso su considerazioni di carattere generale legate ad una generica valutazione della pericolosità del territorio e, per altro verso, alla presunta assenza di elementi concreti sintomatici del rischio legato all'attività concretamente svolta dal ricorrente.

 

 

La pericolosità territoriale

In prima battuta, dice il Collegio di giudici, il diniego omette di prendere in esame la situazione di pericolosità conclamata in cui versa, in generale, il territorio foggiano che risulta -dalle notizie di cronaca e dai comunicati delle Autorità di polizia- ad alta pericolosità.

 

 

Il rischio specifico

Poi, continua il Tar, non si fa carico del rischio specifico cui sono esposti i medici come categoria, come attestato dalla campagna di sensibilizzazione lanciata dall'ordine professionale nelle principali città italiane mediante l'apposizione di maxi poster contro la violenza sui medici e, in particolare, il rischio cui sono esposti i medici che svolgono incarichi di consulenti tecnici d'ufficio.

 

 

L’organizzazione dell’attività professionale

Inoltre, quanto alla presunta libertà di scelta del medico nell'organizzazione delle visite domiciliari, il Tar conferma che la valutazione sulla necessità o meno di un intervento immediato è rimessa al medico non già sulla base dei suoi impegni professionali o preferenze organizzative, bensì in considerazione dei sintomi descritti dal paziente e, quindi, dal tipo di gravità della patologia che si sospetta o che -addirittura- il medico conosce in base alla storia clinica del paziente.

Tanto più che le visite domiciliari rientrano nei precisi doveri del medico di base nelle fasce orarie non coperte dalla guardia medica, operativa nei giorni feriali dalle 20,00 alle 8,00 e non operativa nei giorni festivi e pre-festivi (fermo restando che, nel distretto in cui esercita l'odierno ricorrente sono ricompresi molti pazienti residenti nei diversi poderi, talora raggiungibili solo mediante percorsi non dotati di pubblica illuminazione).

 

 

L’assenza di abuso dell’arma

Infine, non può trascurarsi che si tratta di rinnovo e non già di primo rilascio, sicché si sarebbero dovuti valorizzare eventuali sopravvenuti cambiamenti nelle condizioni dell'interessato; ciò che non è stato, se si esclude il riferimento all'assenza di abusi in 20 anni che -evidentemente- avrebbe dovuto deporre in favore del rinnovo e non già del diniego.

 

 

  • Per approfondimenti, vedi anche

Armi: come funziona il potere di rilasciare licenze

Come evitare revoca licenza armi

 

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590     Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 6932 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:11
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.