MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Mercoledì, 30 Agosto 2017 08:38

Armi: come funziona il potere di rilasciare licenze

Scritto da

Si tratta di una deroga ad un divieto 

 

Il concetto

Il potere di rilasciare le licenze per porto d'armi è niente altro che un'eccezione al divieto di portarle: il nostro attuale Ordinamento ha disciplinato in questo modo il rilascio di queste licenze.

Il succo del discorso è che la Legge, in questo preciso momento storico, ha dato preferenza a principi di ordine pubblico in questa materia piuttosto che preferire i diritti del privato (pur rilevanti, come gli appartenenti al mondo armiero ben sanno).

Spieghiamo meglio.

Esistono diverse disposizioni di legge che attribuiscono vasti poteri discrezionali per la gestione dell'ordine pubblico rispetto all'utilizzo di armi. Così come esistono alcuni principi (ricavati tanto dalle stesse leggi quanto dalle sentenze amministrative di primo e secondo grado) atti a regolare questa complessa materia.

Vediamoli insieme, perchè conoscerli può aiutare la persona interessata a comprenderli e a gestirli adeguatamente, anche per ottenere la licenza nel pieno rispetto delle impegnative regole.

 

 

I principi

1)  art. 40 T.U.L.P.S. "il Prefetto può, per ragioni di ordine pubblico, disporre, in qualunque tempo, che le armi, le munizioni e le materie esplodenti, di cui negli articoli precedenti, siano consegnate, per essere custodite in determinati depositi a cura dell'autorità di pubblica sicurezza o dell'autorità militare": ciò equivale a dire che il Prefetto può senz'altro disporre il ritiro delle armi, purché, ovviamente, sussistano le idonee ragioni da spiegare nel relativo provvedimento (Tar Reggio Calabria, sez. 1, sentenza n. 915 del 13.09.2016),

2)  art. 42 T.U.L.P.S., "il Questore ha facoltà di dare licenza per porto d'armi lunghe da fuoco e il Prefetto ha facoltà di concedere, in caso di dimostrato bisogno, licenza di portare rivoltelle o pistole di qualunque misura o bastoni animati la cui lama non abbia una lunghezza inferiore a centimetri 65": il significato è che il Prefetto può anche fissare preventivi criteri generali per verificare se nei casi concreti vi sia il "dimostrato bisogno" di un porto d'armi per difesa personale, in rapporto ai profili coinvolti dell'ordine pubblico (vedi anche: armi e affidabilità di chi le utilizza: 9 punti da sapere),

3)  Le sentenze (Cons. Stato, sez. III, 28 aprile 2015 n. 2162 e 14 ottobre 2014 n. 5398) hanno affermato che "la valutazione al riguardo dell'Autorità di pubblica sicurezza, caratterizzata da ampia discrezionalità, persegue lo scopo di prevenire, per quanto possibile, l'abuso di armi da parte di soggetti non pienamente affidabili, tanto che il giudizio di non affidabilità è giustificabile anche in situazioni che non hanno dato luogo a condanne penali o misure di pubblica sicurezza, ma a situazioni di assenza di buona condotta (Cons. Stato, sez. III, 19 settembre 2013 n. 4666)",

4)  un dato da non sottovalutare è quello per cui il Ministero dell'Interno può effettuare valutazioni di merito in ordine ai criteri di carattere generale per il rilascio delle licenze di porto d'armi, tenendo conto del particolare momento storico e di specifiche situazioni locali: l'esempio pratico può essere quello della decisione di restringere diffusione ed uso di armi per affrontare situazioni dove sono radicate organizzazioni criminali.

 

 

L'eccesso di potere

Dall'altra parte, il potere amministrativo è vasto ma non può essere illimitato, o impiegato in modo arbitrario.

Un esempio può valere per chiarire meglio il concetto: nel caso in cui l'amministrazione respinge l'istanza presentata da un'appartenente ad una categoria di persone per la quale non sono evidenti specifiche esigenze da tutelare con la licenza di porto d'armi, la deve respingere anche per altri che si trovano nella stessa situazione.

In pratica, è vietato fare due pesi e due misure: scatta quindi l'eccesso di potere se si respinge l'istanza per una persona e la si accoglie per un'altra persona che si trova nelle medesima situazione.

 

 

Un consiglio

Orientarsi conoscendo i principi di fondo della materia può tornare utile in molte situazioni. 

Vedi anche

come custodire armi con diligenza non rimproverabile

Detenzione armi: come vincere ricorso in Consiglio di StatoDetenzione armi: come vincere ricorso in Consiglio di Stato

Pistola per difesa personale: il rinnovo della licenza

 

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Letto 1671 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:36
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

1 commento

  • Link al commento Damiani Giancarlo Giovedì, 28 Settembre 2017 16:53 inviato da Damiani Giancarlo

    Buon Giorno
    Avrei bisogno di un consiglio se potete darmelo
    Sono un aspirante guardia giurata avevo anche già l'assunzione pronta ma dopo avere presentato l'istanza alla prefettura di milano a maggio , a Settembre mi vedo arrivare 2 raccomandate dalla prefettura, una dice che anno accolto la mia domanda di guardia giurata la seconda invece ho avuto il Diniego del porto di pistola per una vecchia condanna di 8 mesi di reclusione per furto in concorso del 1987 che io non ricordavo neanche più, premetto che da quella data non c'è più niente e ritengo di avere avuto una buona condotta sino ad'oggi e sono passati 30 anni .
    ho qualche speranza di fare ricorso..........ho chiesto in prefettura loro dicono che non ci sono speranze e vero..................
    Grazie ...Cordialità

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios