MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Giovedì, 31 Agosto 2017 07:52

Armi e convivenza con altri: come evitare pericoli per la collettività

Scritto da

Chi è titolare di licenza di porto d'armi deve essere più che affidabile

 

La sicurezza degli altri

L'Ordinamento italiano chiede, a chi è titolare di licenza di porto d'armi, uno specifico comportamento: evitare pericoli per l'ordine e la sicurezza pubblici.

Detta in sintesi, la funzione principale di tutte le articolate norme del settore delle armi gravita attorno a questo principio di fondo: un'applicazione pratica di questa regola è, ad esempio, quella di dare un certo risalto a situazioni di convivenza con altre persone che, in via di fatto, dimostrano di essere in grado di impossessarsi facilmente dell'armamento in occasione di episodi critici.

Facciamo un esempio (tratto dalla lettura della sentenza n. 565 del 27 luglio 2016 del Tar Perugia sezione 1): se la moglie del titolare della licenza riesce ad imbracciare un fucile perché partecipa ad una lite con un vicino, ecco che questa circostanza incide sulla valutazione amministrativa che precede un provvedimento inibitorio a danno del titolare.

In sostanza, per rendere effettiva la protezione della sicurezza di tutti i cittadini, per Legge non importa che a commettere il fatto ritenuto pericoloso per l'incolumità altrui sia stato non il titolare della licenza, ma il coniuge.

 

 

Come si giudica l'affidabilità

Nelle situazioni di convivenza, come il caso descritto sopra fare un esempio pratico, l'Autorità va a sondare la relazione che c'è tra chi convive sotto lo stesso tetto e si accerta se c'è stata una regolare custodia delle armi (vedi anche, sull'argomento della custodia: armi, come non farsi fregare sulla questione della custodia).

Sul punto della custodia poi, non ci sono dubbi: le situazioni di convivenza non sono neutre ai fini della valutazione amministrativa, visto che anche se non si può imputare niente sul titolare della licenza in occasione di specifici episodi, il fatto che un convivente o un terzo si impossessino con una certa facilità dell'arma è sicuramente un allarme degno di nota.

In pratica, l'Autorità di Pubblica Sicurezza, quando è chiamata a valutare se esista un pericolo per l'ordine e la sicurezza pubblica, tiene conto anche del fatto che il pericolo può nascere da comportamenti omissivi (nel caso commentato questi comportamenti sono collegati al mancato assolvimento degli oneri di diligente custodia che l'ordinamento impone a chi detiene armi o esplosivi).

Vedi anche: armi e affidabilità di chi le utilizza: 9 punti da sapere.

 

 

Da sapere

In sintesi, le condizioni per la concessione e il mantenimento del porto d'armi sono, secondo i più noti principi giurisprudenziali:

1) rispetto delle norme penali,

2) rispetto delle regole di convivenza sociale,

3) rispetto delle norme di tutela dell'ordine pubblico.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1648 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:35
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

1 commento

  • Link al commento Francesco Desposito Venerdì, 01 Settembre 2017 22:24 inviato da Francesco Desposito

    Ok moglie che si impossessa del fucile del marito e ammazza la vicina ma se la moglie ha bisogno di un'arma per proteggersi da banditi che vogliono ammazzarla,,??

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios