MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Martedì, 29 Agosto 2017 09:31

Fucile uso caccia e revoca sbagliata: come spuntarla in Tribunale?

Scritto da

 

 

Parliamo di una situazione dove non c'è alcun problema per l’incolumità pubblica  

 

Il caso

Un vicenda risolta dal Tar Lazio, con la sentenza n. 8090/17 del 10 luglio 2017.

La Sezione 1 ter ha affrontato e risolto in scioltezza il caso proposto da un professionista, titolare di licenza da decenni e possessore di tre fucili.

In pratica l’interessato riceve la brutta notizia: il Questore e il Prefetto agiscono, per così dire, in sincrono: il primo gli revoca la licenza del porto di fucile ad uso caccia, il secondo emette il divieto di detenzione armi, munizione e materiale esplodente.

Ma perché accade tutto ciò?

E’ presto detto:  il Questore segnala che il ricorrente è stato deferito alla Procura per non aver custodito diligentemente un’arma (vedi anche: come custodire armi con diligenza non rimproverabile) regolarmente denunciata (proc. penale comunque archiviato).

 

 

Un passo indietro: l’antefatto

Lo spunto per questo procedimento penale è la richiesta di uno zio dell’interessato, il quale chiama il personale del Commissariato di Polizia per far ritirare le armi in suo possesso per la successiva rottamazione: nell’occasione, scoprendosi la mancanza della denuncia di un’arma, si accerta che essa è stata regolarmente denunciata nel 94 da suo nipote (appunto l'odierno ricorrente).

Secondo il racconto dello zio del ricorrente, l’arma in questione sarebbe stata sottratta senza il consenso del possessore, evidenziando di avere libero accesso alla sua abitazione, poiché in possesso delle relative chiavi.

 

 

Verso la decisione

Premesso, dice il Tar Lazio, che in materia vige l’ampia discrezionalità in capo all’Autorità che procede, non si può negare che gli appunti mossi contro l’interessato sembrano alquanto strani, per non dire infondati.

In effetti, sottolineano gli accorti Giudici, si sta parlando di una persona che risulta in possesso del porto di fucile da quarant’anni, senza che mai gli sia stata contestata una virgola, come suol dirsi.

In pratica: ha avuto sempre una condotta ineccepibile.

Mancano, in buona sostanza, gli elementi per arrivare a dire che il professionista ricorrente abbia visto abbassarsi la soglia della sua affidabilità -nella custodia di armi di sua proprietà- (vedi anche: armi, come non farsi fregare sulla questione della custodia)

L'episodio accaduto, da cui è poi scaturito anche il procedimento penale (archiviato), sarebbe particolare: lo zio del ricorrente sottrae un fucile dall'abitazione del ricorrente, di cui ha le chiavi, in sua assenza, e la consegnata dopo a personale del Commissariato per la rottamazione, dichiarando di non trovare la denuncia.

Si scopre che detta arma è stata denunciata dal ricorrente, che la detiene.

 

 

La soluzione è favorevole al ricorrente

In un quadro idilliaco come quello con cui si presente il ricorrente al cospetto della Magistratura, l'unico episodio strano attiene al prelievo di un fucile, regolarmente denunciato dal ricorrente e sempre regolarmente custodito, dalla sua abitazione.

Ma, si badi: non da parte di un qualsiasi soggetto bensì da un suo zio, in possesso delle chiavi di casa, che quindi vi aveva libero accesso.

Tradotto: nessuna conseguenza per la pubblica incolumità si è determinata ed anzi lo zio, che ha messo il fucile insieme ad altre armi regolarmente detenute dal medesimo, intende rottamarle; in quell'occasione si è scoperto che lo stesso ha appunto sottratto l’arma.

Da non dimenticare che il procedimento penale è stato archiviato e questo fatto è perfettamente conosciuto all'Amministrazione al momento dell'adozione dei provvedimenti.

 

 

Un consiglio

Se non si comprende come da un episodio specifico possano desumersi la capacità di abuso delle armi e l'inaffidabilità nell'uso delle stesse, allora è il caso di valutare il ricorso, senza pensarci troppe volte.

  

 

Richiedi una consulenza

Informati e chiedi tutte le spiegazioni tecniche in questa particolare materia.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 6167 volte Ultima modifica il Domenica, 05 Novembre 2017 18:39
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598