MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Lunedì, 20 Novembre 2017 06:43

Armi: il divieto di detenzione è viziato quando manca la motivazione?

Scritto da

 

 

Il titolo del post potrebbe essere anche questo: sui reati che non hanno una relazione diretta con l’uso delle armi, il divieto di detenzione è viziato se non offre motivi e non spiega per quale ragione da quei reati se ne ricava l’inaffidabilità nella detenzione.

 

Argomento trattato più volte, anche perché molte sono le sentenze, di primo e secondo grado, che lo riportano.

Quando ci riferiamo alla “mancanza di reale motivazione”, stiamo parlando di motivazioni stereotipe, finte, vuote di senso, messe lì con il “copia e incolla”.

Andiamo allora al pratico e posiamo la nostra attenzione sulla sentenza da passare oggi al setaccio (ovviamente in sintesi, togliendo parecchio “giuridichese”): Tar Salerno n. 994 dell'1.06.2017.

 

Il caso

Come abbiamo accennato sopra, si parla di reati che non hanno una diretta relazione con l'uso delle armi.  Una lode va sicuramente accordata a questo tribunale amministrativo, dal momento che scardina alcune errate convinzioni dell'Amministrazione.

Il succo del ragionamento dei magistrati è infatti questo: il divieto di detenzione è viziato se è povero nella motivazione.

In altri termini se non spiega per quale ragione dai reati commessi e non legati all'uso delle armi se ne fa derivare per l'interessato l'inaffidabilità nella detenzione o, peggio, una personalità violenta o una personalità priva di autocontrollo.

Nella vicenda affrontata in causa, la persona interessata impugna il diniego in quanto il Questore ha respinto l'istanza tesa ad ottenere il nulla osta alla detenzione di armi (cinque fucili e alcune cartucce) nella propria abitazione, a seguito del decesso del padre (persona che, a giudizio dell'autorità, non offriva sufficienti garanzie di affidabilità).

 

 

Il pensiero e il ragionamento del Tar

Il Collegio si basa su alcuni consolidati principi giurisprudenziali rifacendosi anche ad un criterio fatto proprio dal Tar Basilicata (sentenza n. 261/15):  

"il provvedimento di divieto di detenzione armi è viziato laddove omette di motivare per quale ragione da reati commessi, nei quali difetta una diretta relazione con l'uso delle armi, si possa desumere l'inaffidabilità nella detenzione, nell'uso e nella custodia delle armi stesse, o il possesso di una personalità violenta".  

Stando al chiaro dettato del Tar, le frasi stereotipe che l'amministrazione utilizza e non può utilizzare sono quelle che suonano più o meno così:

"lette le note informative dei competenti organi di polizia".

Leggendo una frase del genere sul provvedimento amministrativo, si finisce per leggere una finta motivazione.

 

 

Conclude il Tar in questo modo

Anche scendendo nel dettaglio della vicenda (due vecchie denunce: detenzione e spaccio di sostanze psicotrope, porto e detenzione di arma bianca) le autorità concludono in senso favorevole all'accoglimento dell'istanza, mettendo in risalto la buona condotta morale e civile del soggetto, l'assenza di malattie mentali o etilismo, l'assenza di altri elementi che possano far propendere per una prognosi infausta sull'uso delle armi da parte sua o da parte di altri membri della famiglia.

 

 

In pratica

Gli episodi remoti e rilevanti in sede penale non sono più attuali, dal momento che sono superati non solo dalla intervenuta riabilitazione ma, più in generale, dalla buona condotta della persona interessata.

 

Consigli

Una frase che spesso mi ripeto quando mi trovo davanti a casi come quello commentato è “in determinati casi, il rigore della legge penale non è eterno”.

Specie se si analizzano reati che non hanno un nesso diretto con l’uso lecito dell’armamento.

E poi, lo ripetiamo, anche la buona condotta ha e deve avere importanza in questi contesti.

Da un punto di vista pratico e giuridico, il consiglio è di far valere il vizio della motivazione sottolineando la superficialità dell’amministrazione nel non curarsi di motivare con precisione l’inaffidabilità della persona interessata.

Sul piano prettamente operativo poi, quando andiamo a criticare l’operato dell’amministrazione, meglio affidarsi ad un avvocato che tratta abitualmente la materia.

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1621 volte Ultima modifica il Lunedì, 20 Novembre 2017 06:52
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is a Joomla Security extension!