Domenica, 31 Dicembre 2017 09:35

Divieto di detenere armi e parentela con presunti criminali (con i quali non si ha alcuna frequentazione): come se ne esce?

Scritto da

 

Se ne esce con una soluzione offerta nel 2014 dal Consiglio di Stato e sempre attuale.
In sintesi: la Prefettura di Reggio Calabria dispone nei confronti dell’interessato il divieto di detenere armi, in quanto fratello di Tizia che convive con persona gravata da vicende giudiziarie, oltre a ricoprire ruoli di primaria importanza in una cosca della ndrangheta.

Senza giri di parole, si parla in modo assai chiaro di rapporti di parentela con un soggetto per il quale risultano pregiudizi penali relativi a reati connessi alla criminalità organizzata.

Sono legami che, pare, incidano sull’affidabilità della persona, dal momento che non si può escludere a priori che le armi stesse possano entrare nella materiale disponibilità di terzi socialmente pericolosi.

In primo grado l’interessato perde quindi la causa: con sentenza n. 912 del 2011 il Tar, facendo leva sui precedenti giurisprudenziali in materia respinge il ricorso.

 

Davanti al Consiglio di Stato, invece, tutt’altra musica: nel 2014 l’appello viene accolto.

Prima di vedere il perché di questa decisione, passiamo alla sintesi della posizione dell’appellante e del Ministero controparte.

 

 

  1. La posizione dell’appellante

Combatte le conclusioni del primo giudizio insistendo sulla violazione degli artt. 11 e 39 r.d. n. 773/31 e sull’eccesso di potere, sottolineando profili di carenza, contraddittorietà ed erroneità della motivazione del provvedimento impugnato.

 

 

  1. La posizione del Ministero

Si difende in questo grado di giudizio con un atto formale, senza particolari approfondimenti.

 

 

  1. La posizione del Consiglio di Stato

La sentenza è della Sezione 3: la n. 1924 del 16 aprile 2014.

Il ragionamento dei Magistrati parte da qui: l’inibitoria della detenzione di armi si basa sul rapporto di affinità della persona abilitata alla detenzione con un’altra persona nei cui confronti gravano precedenti giudiziari e, cosa da non poco conto a prima vista, che ricopre ruoli di spicco in un clan malavitoso.

A parere dei Supremi Giudici sono in gioco, quindi, le condizioni di sicurezza e di incolumità delle persone rispetto al rischio di una possibile sottrazione dell'arma da parte di soggetti socialmente pericolosi.

Il Collegio prosegue però nel ragionamento ed inizia a demolire la tesi del Ministero.

Dice: data per scontata l’esistenza di un quadro di vasta discrezionalità di cui l’Amministrazione dispone sull’adozione di provvedimenti che impediscono la disponibilità di armi di offesa per la prevenzione di possibili abusi, ebbene queste scelte devono essere sempre sostenute da una motivazione (precisamente da una “congrua motivazione”) sui presupposti ed elementi significativi che spingono ad una restrizione della sfera giuridica del destinatario.

 

 

Neppure, sul piano soggettivo, si parla di precedenti penali a carico dell'appellante e, tantomeno, una condotta di vita al limite segnata da episodi che possano far dubitare della sua irreprensibilità morale, o che siano sintomatici di una vicinanza ad appartenenti ad organizzazioni criminali.

Il Consiglio di Stato si è già pronunciato su casi analoghi ed ha ritenuto illegittimo il provvedimento di inibitoria basato sul solo elemento soggettivo del rapporto di parentela o di affinità, senza indicare eventi e circostanze da cui possa derivare il pericolo per omessa o insufficiente custodia.

Tanto più che, nel luogo periodo in cui il ricorrente è stato autorizzato alla detenzione delle armi, non sono mai emersi rilievi ed inadempienze sul corretto assolvimento degli obblighi di custodia.

Per le considerazioni che precedono l'appello va accolto e, per l'effetto, va accolto il ricorso di primo grado e va annullato il provvedimento impugnato n. 13342/W/Area I bis in data 25 febbraio 2010. Resta fermo che la presente decisione non preclude in assoluto all'autorità di p.s. l'esercizio dei poteri di controllo e di riesame, qualora emergano elementi di fatto significativi paventato vulnus alle condizioni di sicurezza, ordine pubblico ed incolumità delle persone, nel senso sopra accennato, e ne venga dato adeguatamente conto nella motivazione.

 

 

  1. La soluzione del caso

Come accennato nel preambolo, l’appello viene accolto con annullamento del provvedimento impugnato.

Per chiarezza e precisione il C.d.S. spiega che la decisione non preclude in assoluto all'autorità di p.s. l'esercizio dei poteri di controllo e di riesame, nel caso dovessero veramente emergere elementi di pericolo per le condizioni di sicurezza, ordine pubblico ed incolumità delle persone.

Tutto questo, ovviamente, sempre all’interno della cornice di “adeguata motivazione”.

 

 

Avv. Francesco Pandolfi

chiama:  3286090590

scrivi e chiedi:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 8878 volte Ultima modifica il Domenica, 31 Dicembre 2017 09:54
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Francesco Pandolfi AVVOCATO: Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori. Attualmente si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto delle assicurazioni. E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici on line, tra cui Studio Cataldi e Mia Consulenza; nel 2018 ha pubblicato il libro "Diritto delle armi, 20 sentenze utili". La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia. I tratti caratteristici della sua azione sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, orientamento verso l'obiettivo.


Francesco Pandolfi COACH: la formazione parte dal 1998; tanti i corsi frequentati con docenti a livello internazionale; tra questi si annoverano training specifici sulla comunicazione efficace, p.n.l., psicologia, ipnosi, motivazione ecc. Attualmente si occupa di coaching one to one, seguendo i propri Assistiti (personalmente con incontri diretti o a distanza, tramite Skype) con percorsi studiati su misura in base agli obiettivi che il Cliente desidera raggiungere in qualsiasi settore (esempio: percorsi scolastici a tutti i livelli, programmi alimentari, attività lavorativa ecc...). L'attività intellettuale del coach è disciplinata dalla Legge n. 4 del 14.01.2013 entrata in vigore il 10.02.2013, che detta disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi.


Francesco Pandolfi MAESTRO: la formazione come praticante, poi come allenatore, istruttore e maestro di Karate Tradizionale ha inizio nel 1982; gli insegnamenti in questa disciplina provengono essenzialmente da Hiroshi Shirai e Taiji Kase, Maestri giapponesi riconosciuti come depositari nel mondo della versione autentica ed originale dell'arte marziale. Il Karate tradizionale è un'attività che mira a formare il carattere della persona, il corpo e lo spirito, attraverso l'allenamento fisico; si tratta di tecniche di autodifesa senza armi che possono supportare una persona attaccata a distanza, la quale viene posta nelle condizioni di difendersi anche utilizzando un solo colpo risolutivo. Le sedute di allenamento sono incentrate sulla preparazione atletica, il kihon, il kata, il kumite, la meditazione e le pratiche di rilassamento.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.