MiaConsulenza.it
legale, commerciale e altro...

whatsappContatta subito MiaConsulenza con WhatsApp!

Martedì, 26 Dicembre 2017 16:40

Arma per difesa personale: quando e perché il rinnovo del porto di pistola non può essere negato?

Scritto da

 

 

 

  • Sentenza importantissima del Tar Friuli Venezia Giulia, la n. 382 del 14 dicembre 2017

 

Tenere bene a mente questa pronuncia in tema di rinnovo del porto di pistola, in quanto fissa il seguente principio cardine:

 

l'Autorità non può sindacare il modo in cui l'imprenditore viene pagato dai propri clienti e/o appresta il servizio di vigilanza delle proprie strutture e beni, pena l'invasione di campi afferenti all'autonomia organizzativo/gestionale dell'imprenditore, in cui si estrinseca la libertà di iniziativa economica tutelata dall'art. 41 Cost.;

 

 

Ma andiamo al caso concreto.

 

La vicenda.

L’interessato chiede l'annullamento del decreto prefettizio con il quale è respinta l’istanza per ottenere il rinnovo del porto di pistola per difesa personale.

Dice di godere del pluriennale porto di pistola per difesa personale e di intervenire spesso, anche in ore notturne, presso una discarica di cui è presidente in una specifica località, anche a seguito dell'attivazione degli allarmi antintrusione ai quali è collegato telefonicamente.

Lui ritiene il provvedimento basato per sbaglio sulla ritenuta insussistenza di pericolo per la sua incolumità personale e sulla conseguente inutilità del rinnovo del porto di pistola.

Si lamenta poi dell’errore commesso dal Prefetto, laddove ritiene che la persona interessata al porto potrebbe facilmente ovviare al pericolo connesso al maneggio ed al trasporto di somme di denaro utilizzando gli strumenti offerti dal sistema bancario.

Contesta infine anche la lesione del legittimo affidamento, avendo, tra l'altro, l'Autorità disatteso l'obbligo di far riferimento alle eventuali circostanze sopravvenute rispetto a quelle esistenti al momento dei precedenti rilasci e/o rinnovo del porto d'armi per difesa personale.

 

 

La soluzione del Tribunale.

Nessuno, dice il Tar nella sentenza di dicembre, vuole mettere in discussione che il porto d'armi è un'eccezione al normale divieto di portare armi e che il provvedimento abilitativo viene rilasciato sulla scorta di valutazioni ampiamente discrezionali.

Il punto è la motivazione quando l’Autorità decide per il diniego.

 

Che cosa significa questo?

In pratica il Collegio, come del resto già accaduto in una recente pronuncia su un caso di divieto di rinnovo di porto d'armi analogo (Tar FVG, sez. I, 23 novembre 2017 n. 363), non può trascurare che, in presenza di un'autorizzazione di polizia risalente nel tempo ed ripetutamente rinnovata l'amministrazione, in sede di diniego, deve provare il venir meno delle condizioni iniziali che avevano formato oggetto della positiva valutazione in punto di dimostrato bisogno, ed il sopravvenire delle nuove ragioni che giustificano il diniego.

Nel caso trattato e discusso a dicembre, è innegabile che il precedente e pluriennale rilascio del titolo, le circostanze di pericolo rappresentate dal ricorrente (ovvero la frequente esigenza di recarsi, anche notte tempo, nell'area isolata ove è ubicata la discarica gestita dall'impresa perché allertato dal sistema d'allarme), nonché le concrete modalità di svolgimento dell'attività imprenditoriale che prevede l'accettazione di denaro contante da parte della clientela avrebbero suggerito uno sforzo motivazionale maggiore da parte dell'Autorità, anche in considerazione del fatto che:

 

A) la discarica gestita dalla società di cui il ricorrente è Presidente del Consiglio di Amministrazione si trova in una zona isolata distante dal centro abitato, spesso oggetto di abusi commessi da terzi;

B) è fatto notorio che, negli ultimi anni, si è verificato un diffuso aumento della criminalità, tale da esporre quotidianamente a seri pericoli la sicurezza individuale, come evidenziato dai numerosi fatti di cronaca che riferiscono di furti e/o rapine, poi sconfinati in aggressioni alla persona, con esiti anche mortali;

 

come anticipato nel preambolo di questo articolo

 

C) l'Autorità non può sindacare il modo in cui l'imprenditore viene pagato dai propri clienti e/o appresta il servizio di vigilanza delle proprie strutture e beni, pena l'invasione di campi afferenti all'autonomia organizzativo/gestionale dell'imprenditore, in cui si estrinseca la libertà di iniziativa economica tutelata dall'art. 41 Cost.;

 

In definitiva, l'Autorità ha trascurato, in particolare, di dare adeguata spiegazione del venir meno delle condizioni che avevano consentito di apprezzare favorevolmente la richiesta dell'interessato, tenendo conto "delle peculiarità del territorio, delle specifiche implicazioni di ordine pubblico e delle situazioni specifiche in cui si trovano i richiedenti" che, a quanto risulta, sono rimaste inalterate rispetto al passato, quando il titolo di polizia era stato per l'appunto rilasciato e rinnovato.

 

 

Cosa accade in pratica.

Il Tar annulla l’atto impugnato, il ricorrente vince la causa, il Ministero viene condannato sia a pagare le spese di lite che a rimborsare il pagamento del contributo unificato (acquistato dalla persona interessata al momento dell’iscrizione a ruolo della causa).

 

 

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l’Avv. Francesco Pandolfi

3286090590

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 7043 volte
Francesco Pandolfi

 whatsapp  WhatsApp 
 skype  Skype
linkedin Linkedin
   

Nel 1995 inizia la sua attività di avvocato; il 24.06.2010 acquisisce il patrocinio in Corte di Cassazione e Magistrature Superiori.

Attualmente si occupa di diritto amministrativo, diritto militare, diritto delle armi, responsabilità medica, diritto penale.
E' autore di numerose pubblicazioni su importanti quotidiani giuridici; in particolare ha approfondito la materia del diritto militare nelle aree disciplinari, giuslavoristiche, penali e amministrative. 
In diritto del lavoro segue da 10 anni il contenzioso dei lavoratori trimestrali contro Poste Italiane spa.

La sua Missione è "aiutare a risolvere problemi giuridici". Ritiene che il più grande capitale sia la risorsa umana e che il più grande investimento sia la conoscenza. Ha l'opportunità di servire persone in tutta Italia; la sua profonda passione per il lavoro lo porta ad assistere e difendere davanti ogni Corte nel Paese.

I tratti caratteristici della sua azione difensiva sono: tattica, esperienza, perseveranza. coraggio, focus verso l'obiettivo.

www.miaconsulenza.it

Informazioni e recapiti

  • Indirizzo
    Via Giacomo Matteotti, 147
  • Città
    Priverno (LT)
  • Provincia
    Latina
  • CAP
    04015
  • Nazione
    Italy
  • Telefono
    +39.0773487345
  • Mobile
    +39.3286090590

Lascia un commento

Ogni commento verrà pubblicato una volta approvato il contenuto.
Potrebbe quindi trascorrere qualche ora prima di essere visualizzato in questa pagina.

like miaconsulenza

MiaConsulenza contatti

Per qualsiasi informazione e richiesta,
contatta la redazione MiaConsulenza.





© 2017 Copyright. All Rights Reserved.

Newsletter

 Vuoi restare aggiornato sulle nostre attività? Iscriviti alla newsletter di Miaconsulenza.it

Studio Legale Francesco Pandolfi

Via G.Matteotti, 147
04015 Priverno (LT)

+(39) 0773487345
+(39) 328.6090590

francesco.pandolfi66@gmail.com
www.miaconsulenza.it
P.IVA  01692250598

OHSecurity is developed by Orange Hat Studios